mercoledì 16 aprile 2014

Recensione di "Legend" - Marie Lu

Cari visitatori della Tana,
è tempo di una nuova recensione, in questo bellissimo Mercoledì di Primavera.
Ovvi voglio parlarvi di Legend, primo romanzo dell'omonima trilogia di Marie Lu, che ha spopolato negli USA e a quanto ho letto è stato accolto con entusiasmo anche qui in Italia.

Uscito lo scorso Ottobre per Piemme, il libro conta 262 pagine e costa € 16,50.


TRAMA
Los Angeles, Stati Uniti. Il Nord America è spaccato in due parti, la Repubblica e le Colonie, e la guerra sembra destinata a non finire mai. A quindici anni, June è già una promessa della Repubblica. Nata in una famiglia ricca e prestigiosa, oltre a una bella casa, un mucchio di soldi e la possibilità di frequentare le scuole migliori, possiede anche un vero talento nel cacciarsi nei guai e senza l'intervento di Metias, il fratello maggiore, probabilmente qualcuna delle sue bravate all'accademia militare sarebbe già finita male. Dalla morte dei genitori, Metias è l'unico su cui può contare, almeno fino al giorno in cui viene ucciso in circostanze misteriose. Il primo sospettato è Day, un ragazzo della stessa età di June, ma nato e cresciuto nei bassifondi della Repubblica. Ed è anche il criminale più ricercato del paese. Da quel giorno, June ha un unico desiderio: vendicare Metias. Ma per lei e Day il destino ha altri piani.



LA MIA OPINIONE
Prima di cominciare a parlarvi di questo libro, devo confessarvi che l'ho divorato.
Quando è uscito avevo letto un sacco di recensioni più che positive, che come al solito mi hanno fatta un po' dubitare della qualità di questo romanzo (ho una naturale diffidenza verso tutti i libri che vengono acclamati dalla critica, non posso farci nulla) così ho rimandato la lettura. Finché non l'ho trovato in scambio. L'occasione era troppo ghiotta per lasciarmela sfuggire, così ho deciso di prenderlo. Devo ammettere che è stato un ottima idea!

Siamo a Los Angeles, in un futuro distopico. Gli Stati Uniti vivono una condizione politica e territoriale molto diversa da quella odierna: La Repubblica è in guerra contro le Colonie e i Patrioti. Ognuno dei nati nella Repubblica, una volta compiuti i dieci anni, viene sottoposto alla Prova, che permette al Governo di verificare le capacità fisiche e intellettive e di decidere la destinazione di ciascuno dei cittadini. Sulla base dei risultati i cittadini sono indirizzati ad attività diverse: chi supera il test con ottimi risultati viene spedito nelle migliori università e ha la possibilità di fare carriera nell'esercito; chi la supera con risultati discreti viene spedito in università di media importanza e impiegato per supportare in qualche modo la Repubblica; chi consegue risultati mediocri invece viene spedito direttamente a lavorare, per lo più nelle fabbriche e nelle centrali, mentre chi non supera la Prova viene spedito nei Campi di Lavoro.
Il punteggio massimo nella prova è di 1500 punti, e solo una persona nella Repubblica lo ha raggiunto: June Iparis

June ha 15 anni e frequenta una delle migliori università della Repubblica. E' intelligente,
un'osservatrice naturale e ovviamente è molto atletica. Da quando i suoi genitori sono morti, si è legata moltissimo al fratello Metias. Anche lui lavora nell'esercito, e proprio durante un'operazione militare alla quale stava partecipando, viene ucciso.
Pochi sono i dubbi sul colpevole: quella notte, Day, il criminale più ricercato della Repubblica, stava tentando di rubare dei vaccini.

E' proprio June che viene immediatamente coinvolta nelle indagini per la caccia a Day, ed è così che le vite dell'inafferrabile criminale e della ragazza prodigio si incrociano.

Per raccontare la storia contenuta in questo primo volume, Marie Lu ha creato un intreccio molto interessante, che ci viene esposto sia dal PoV di June che da quello di Day, che sia alternano capitolo dopo capitolo.
Entrambi i personaggi sono caratterizzati più che bene, e per questo è estremamente interessante leggere il racconto dal punto di vista di tutti e due.
Parliamo di due ragazzi molto intelligenti, abituati ad osservare, e soprattutto nella prima parte, in cui June da la caccia a Day, è interessante osservare le loro mosse e i loro ragionamenti.
Anche se i PoV sono alternati, il racconto scorre fluidamente e senza intoppi, aiutato da uno stile semplice ma d'impatto. 
La tensione narrativa è gestita bene, un'escalation verso il finale che lascia con il fiato sospeso. E poi non mancano i colpi di scena! 
Una nota certo poi deve essere data all'ambientazione, che certo non è delle più originali (c'è qualcosa sia di Hunger Games che di Divergent) ma che comunque viene costruita e descritta più che bene e che ha una parte importante nel romanzo, sia a livello spaziale che a livello temporale. Tuttavia si sente la mancanza della storia della Repubblica. Infatti, mentre quelli che sono i rapporti tra la Repubblica e le Colonie e anche il funzionamento interno della Repubblica vengono descritti molto bene, e alle descrizioni sono accompagnate anche nel corso del romanzo diverse scene, non si capisce come la Repubblica si sia separata dalle Colonie.

A chiusura di questa recensione, non posso far altro che consigliarvi questo romanzo, soprattutto se amate i romanzi distopici!


Il mio voto per questo romanzo è quattro riccetti e mezzo!


22 commenti:

  1. Adorato! Divorato! Stupendo!
    Bellissima la grafica nuova!

    RispondiElimina
  2. Nuova grafica?? l'adoro!!
    sono felicissima che legend ti sia piaciuto!! vedrai prodigy che meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh grazie, sono contenta che ti piaccia :3
      Ho già Prodigy sul Kindle e non vedo l'ora di cominciarlo!

      Elimina
  3. Mi fa piacere che ti sia piaciuto! Per la storia della Repubblica e delle Colonie dovrai aspettare il secondo ed è tutto molto dettagliato, vedrai che non ti deluderà! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di leggere Prodigy, ho letto moltissimi commenti entusiasti e sono curiosissima davvero!

      Elimina
  4. Lo sto leggendo proprio in questo periodo! Per ora mi sta piacendo molto, in effetti ti prende come pochi, bei personaggi, bel ritmo, bell'ambientazione... Anch'io condivido le perplessità riguardo alla storia, all'inizio è un po' destabilizzante non avere tutti gli elementi. Non vedo l'ora di finirlo e continuare con Prodigy. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ritmo è un elemento fondamentale in questo romanzo. Le tempistiche sono gestite in modo magistrale, così come i colpi di scena e l'ambientazione. Sono felice che stia piacendo anche a te :3

      Elimina
  5. beeeellissima grafica^-^
    io Legend non l'ho ancora letto, comunque bella recensione! Dovrò provvedere dato che leggo spesso belle recensioni :33

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, thanks :3
      Se sei appassionata del genere devi assolutamente leggerlo!

      Elimina
  6. Legend! Legend! Legend! \^O^/
    Capisco bene la tua diffidenza: colpisce sempre anche me, ma quando ho scoperto che una biblioteca della mia zona l'aveva acquistato ne ho approfittato ed è stato amore. :3
    Ho letto Legend aspettandomi uno scivolone, attendendo che Marie Lu facesse un tipico passo falso: scarsa caratterizzazione, troppa carne sul fuoco o mancanza di dettagli nell'ambientazione (come il funzionamento basilare della società) e, invece, storia della Repubblica e delle Colonie a parte (mi aspetto di trovarle in Prodigy), mi ha fregata. È stata una sorpresa.

    p.s. Si sente subito aria di primavera da queste parti! Bello *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo ammettere che anch'io aspettavo da un momento all'altro il passo falso, perché ormai ci sono talmente abituata che per me era come sottinteso che arrivasse, invece no! E' decisamente un buon romanzo, e adesso che so che tutta la storia della Repubblica e delle Colonie sarà approfondita in Prodigy, non vedo l'ora di leggerlo!

      Grazie mille, questa Primavera ha portato taaaaaanto rosa xD

      Elimina
  7. Questa è una serie che voglio assolutamente leggere. L'unico motivo per cui ho ancora acquistato Legend è che dopo Hunger games e Divergent ho bisogno di un attimo di pausa. Devo cambiare genere perché i distopici mi stravolgono!!! Muore sempre un sacco di gente e io che ai miei personaggi mi ci affeziono poi sto male! Ecco quindi qualche settimana di pausa e poi mi lancio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io non resisto troppo leggendo romanzi dello stesso genere e sento il bisogno di staccare, ogni tanto. Nei distopici poi ci sono sempre un sacco di morti, hai ragione! Anch'io ci sto spesso male e vorrei prendere a padellate gli autori!

      Elimina
  8. Anche a me è piaciuto parecchio e sono fiduciosa per i seguiti, la vedo una saga che va migliorando :)
    Methias è il personaggio che, attraverso i racconti di June, mi ha più colpito *-* e naturalmente è quello che crepa ad inizio libro xD la mia solita fortuna >_<

    ps Ho dimenticato di farti i complimenti per la nuova grafica <3 è adorabile :3
    Tutto questo rosa *w*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io prevedo miglioramenti, e sono molto fiduciosa. Questa saga sembra avere davvero del potenziale!
      Metias è un personaggio che anche a me piace molto, figurati se non doveva morire entro le prime 100 pagine! Capita sempre anche a me, posso capirti!

      Siii, questa Primavera è tutta rosa, non ho resistito!

      Elimina
  9. Ciao :D complimenti per la recensione :) anche io ho recensito legend ti va di dare un'occhiata al mio blog? www.thebooksfeeling.blogspot.it grazie mille :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, passerò a dare un'occhiata appena posso :)

      Elimina
  10. Mi piacciono molto i libri distopici, potrei addirittura dire che è il mio genere preferito. Non ho ancora letto Legend, ma devo ammettere che, a differenza di tanti altri libri osannati dalla critica, questo almeno come trama non mi sembra male. Sto considerando quindi l'idea di dargli una possibilità :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso capirti, di solito anch'io tendo a dubitare dei libri che vengono osannati dalla critica o dai blogger senza se e senza ma. Legend devo dire che mi ha sorpresa, spero anche tu possa leggerlo presto!

      Elimina
  11. Io adoro il genere da quando ho letto Hunger Games (eh, niente male come inizio, no?). Come te, quando le critiche sono troppo buone tendo a diffidare, però ho già in wishlist sia questo che Divergent (acclamatissimo) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me sono piaciuti tutti e tre xD
      Spero anche tu possa leggere presto sia Legend che Divergent!

      Elimina