giovedì 26 dicembre 2013

Recensione di "La Chimera di Praga" - Laini Taylor

Cari visitatori della Tana,
spero prima di tutto che abbiate trascorso un sereno Natale e che anche questo giorno di Santo Stefano stia trascorrendo sereno.
Proprio questa mattina ho finito di leggere La Chimera di Praga di Laini Taylor, e davvero non vedevo l'ora di scrivervi la mia recensione.
Quindi bando alle ciance e passiamo subito ai dati del libro: uscito nel 2012 per Fazi, conta 394 pagine. Il prezzo è di € 14,90 nella versione rilegata con sovracoperta.


TRAMA
Karou ha 17 anni, è una studentessa d'arte e per le strade di Praga, la città in cui vive, non passa inosservata: i suoi capelli sono di un naturale blu elettrico, la sua pelle è ricoperta da un'intricata filigrana di tatuaggi, parla più di venti lingue e riempie il suo album da disegno di assurde storie di mostri. Spesso scompare per giorni, ma nessuno sospetta che quelle assenze nascondano un oscuro segreto. Figlia adottiva di Sulphurus, il demone chimera, la ragazza attraversa porte magiche disseminate per il mondo per scovare i macabri ingredienti dei riti di Sulphurus: i denti di ogni razza umana e animale. Ma quando Karou scorge il nero marchio di una mano impresso su una di quelle porte, comprende che qualcosa di enorme e pericoloso sta accadendo e che tutto il suo universo, scisso tra l'esistenza umana e quella tra le chimere, è minacciato. Ciò che si sta scatenando è il culmine di una guerra millenaria tra gli angeli, esseri perfetti ma senz'anima, e le chimere, creature orride e grottesche solo nell'aspetto esteriore; è il conflitto tra le figure principi del mito cristiano e quelle dell'immaginario pagano. Nel disperato tentativo di aiutare la sua "famiglia" Karou si scontra con la terribile bellezza di Akiva, il serafino che per amore le risparmierà la vita.



LA MIA OPINIONE

Lo so, è l'ennesima trilogia che inizio, ma come sapete, ormai è raro che io riesca a resistere al fascino delle serie, e questo libro è stata davvero una bella scoperta.
Primo volume della trilogia Daughter of Smoke and Bone, La Chimera di Praga è un libro che già cattura dalle prime pagine.
Karou non è una comune diciassettenne. Certo, frequenta la scuola d'arte e ama disegnare, ma in lei si scorge qualcosa di straordinario già da subito: i suoi capelli che crescono naturalmente blu, i tatuaggi che la ricoprono (in particolare gli occhi che ha sui palmi delle mani) e i suoi disegni. Karou ama disegnare le chimere, creature mitologiche il cui corpo è composto da parti di diversi animali, ma a volte anche umane. I suoi compagni di classe si divertono a guardarli, ma non sanno che ciò che Karou disegna esiste veramente. Le chimere infatti sono la famiglia di Karou da quando lei ha memoria: Sulphurus, la chimera-demone con la testa di capra l'ha adottata quando era piccolissima, e da allora Karou ha sempre vissuto nel suo strano "ufficio", dove lo stregone lavora, vendendo desideri e infilando collane di denti.
Karou non ha idea di cosa faccia Sulphurus con quelle strane collane, ma è lei a girare il mondo per portarli allo stregone. Le basta uscire da uno dei portali della casa in cui lo stregone vive per arrivare in una qualsiasi delle città del mondo ed incontrare i fornitori di Sulphurus. Da Marrakech a Parigi, dagli Stati uniti ad Hong Kong, Karou gira il mondo per recuperare i denti che servono a Sulphurus, finché sui portali non cominciano ad apparire delle impronte. Sono delle mani che sembrano marchiate a fuoco su tutte le porte che nel mondo conducono alla casa di Sulphurus. Qualcosa di terribile sta per accadere, ma Sulphurus non vuole che Karou sia coinvolta in alcun modo, e cerca di mantenere la ragazza al di fuori di tutto, ma quando la manda a Marrakech per recuperare dei denti urgentemente, Karou viene a trovarsi faccia a faccia con un angelo, Akiva, pronto ad ucciderla. Dovrebbe farlo, eppure le risparmia la vita.
E' da quel momento che la ragazza comincia a scoprire quali sono le dinamiche che muovono il mondo delle chimere e quello degli angeli, e dell'eterna battaglia che è cominciata tra loro centinaia di anni prima è che mai è arrivata a conclusione.

Come vi ho detto all'inizio, questo romanzo mi ha affascinata sin da subito, e ovviamente gran parte del merito è delle chimere, creature mitologiche allo stesso tempo bellissime ed inquietanti. Ovviamente si capisce sin da subito che Karou ha qualcosa di speciale, deve per forza avere qualcosa di speciale se vive con una famiglia -seppur adottiva- di chimere.
Lei, più che speciale, si sente invece come se le mancasse qualcosa, come se un pezzo di lei fosse andato perduto chissà dove, ma non per questo è una di quelle ragazzine asociali  e piene di sogni romantici che diventano improvvisamente delle eroine e trovano l'amore, ma è un personaggio che conosciamo poco a poco. Karou è un personaggio che compie un percorso nel corso del romanzo, un percorso di crescita e di scoperta di sé stessa e del mondo da cui proviene, e nel quale riesce, anche se solo in parte, a dare delle risposte ai mille interrogativi che da sempre la tormentano.
Dall'altra parte c'è Akiva, un serafino che viene mandato per distruggere Sulphurus, e Karou
insieme a lui, ma che inspiegabilmente, ad un passo dal trafiggere la ragazza a morte, si ferma.
Il lato romance di questo urban fantasy non è noioso, anche se all'inizio può sembrare un po' banale. 

Ho apprezzato sia la protagonista che Akiva, entrambi ben descritti e ben approfonditi. Anche gli altri personaggi, come Sulphurus, Thiago, Ragzut, Chiro e Zuzana, anche se si limitano ad essere personaggi secondari, hanno un ruolo preciso e influenzano l'azione, ciascuno per le sue possibilità, ed è proprio sulle diverse personalità e 
sul contributo di ciascuno di essi alla storia che si impernia il romanzo.
Altro punto forte della storia sono le ambientazioni: Praga è magica, fredda e misteriosa, Marrakech calda e affollata, e l'autrice con poche parole e senza dilungarsi in descrizioni eccessive, riesce a tracciare uno sfondo perfetto per le vicende che narra.
Il romanzo scorre veloce, soprattutto nella parte finale, ma c'è ancora molto da scoprire, dato che questo primo volume si interrompe praticamente sul più bello.
Nonostante questa brusca interruzione però resta un romanzo che vale la pena di leggere, una variazione originale sul tema lotta tra bene e male, sicuramente ben scritto, e che aiuta a riflettere sulle differenze, su ciò che porta alla guerra e che impedisce il confronto civile.
Spero che il nuovo anno porti da me anche il seguito, La città di sabbia, che sono curiosissima di leggere.
Intanto il terzo volume della trilogia sarà intitolato Dreams of Gos and Monsters, sarà pubblicato negli USA ad Aprile prossimo.



Il mio voto per questo romanzo è quattro riccetti e mezzo!

22 commenti:

  1. Anche io ho amato questo libro, per la sua originalità! *-* ho la città da sabbia ma devo ancora leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, è molto originale *^*
      Io spero di leggere La città di sabbia al più presto :3

      Elimina
  2. Mi hai convinta...sarà una delle mie prossime letture! :D E' già da un po' che mi aspetta!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di averti incuriosita :3
      Sono già curiosa di sapere cosa ne pensi :d

      Elimina
  3. Io sono indecisa fin da quando è uscito.. ne sento parlare benissimo, ma non mi convince :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalla trama potrebbe sembrare un po' banale e me ne rendo conto, anche per il fatto che la trama fa un po' di spoiler già di per sé, ma posso dirti che l'ho trovato davvero un bel romanzo, e sono curiosissima per il seguito :3

      Elimina
  4. Letto più di un anno fa e adorato, è diventato uno dei miei romanzi preferiti *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che meraviglia *^*
      Non è uno dei miei preferiti, ma sicuramente uno dei più belli dell'anno :3

      Elimina
  5. Anche a me è piaciuto questo libro...ancora il seguito non l'ho acquistato, però :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora aspetto di sapere cosa ne pensi anche sul seguito :3

      Elimina
  6. Io non l'ho letto perché quando è uscito la trama non mi ha convinto molto.. Adesso, pensandoci, non sembra male :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è affatto male, posso garantirtelo :3

      Elimina
  7. Io l'ho finito circa qualche settimana fa, ho anche fatto la ma recensione ed è piacito molto anche a me, come dici tu, le ambientazioni sono fantastiche e caratterizzano bene la storia senza appesantirla perchè restano comunque delle descrizioni concise e veloci anche se ben dettagliate. Per me questo libro è stato una bella sorpresa, dato che , come Giusy p. che ha commentato qui sopra, anche a me la trama non aveva convinto molto.
    Ho iniziato a leggere anche il secondo, e sono arivata appena a metà,poi mi sono interrota perchè mi annoiava :(...la storia è diventata più seria e le cose per Karou e Akiva ora sembrano più pericolose... spero di riprenderlo per superare questo blocco e rivendicarne la lettura. Buone feste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, le ambientazioni sono uno dei punti forti del romanzo :3
      Per quanto riguarda il seguito, mi sono resa conto che per alcuni libri c'è bisogno di attendere il momento giusto, e al momento non me la sento di tuffarmi immediatamente sul secondo, anche se sono curiosissima!
      Spero chetu possa continuare presto la lettura della serie :3
      Buone feste anche a te!

      Elimina
  8. Che bella recensione! *_* Il libro mi era piaciuto abbastanza, almeno la prima metà... il finale non mi era piaciuto un granché... ma continuerò con il secondo, prima o poi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, posso capirlo, con il finale si cambia completamente prospettiva e si fanno tante scoperte ^^

      Elimina
  9. Non l'ho letto, ma che sia in parte ambientato a Praga, città che amo, mi fa venire una gran voglia di leggerlo.
    E la recensione aiuta :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di averti incuriosita :3
      Io non sono mai stata a Praga, ma dopo aver letto questo libro mi sono parecchio incuriosita *-*

      Elimina
  10. Non ci posso credere... Sai, era da un po' che giravo intorno a questo libro, sfogliandolo tutte le volte che entravo in libreria e poi abbandonandolo lì, inspiegabilmente, perché aveva un qualcosa che, nonostante le miriadi di recensioni positive,non mi convinceva.
    Ebbene, mi sa che ho trovato La Recensione, con le maiuscole, che la prossima volta che andrò in libreria mi spingerà a comprarlo. Grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero felice che tu abbia apprezzato la mia recensione *-* E' un romanzo che mi è piaciuto molto, spero possa apprezzarlo anche tu!

      Elimina
  11. Bellissima recensione adesso lo leggo con ancora più piacere ^^

    RispondiElimina
  12. Io ho amato alla follia questo libro *__*
    Storia completamente originale, finalmente qualcosa di nuovo, un'ambientazione cupa, gotica che ti incanta e ti inquieta!!
    Protagonista stupendi *__*
    Leggi anche il secondo è bellissimo anche quello

    RispondiElimina