martedì 22 luglio 2014

Recensione di "Noi siamo grandi come la vita" - Ava Dellaira

Cari visitatori della Tana,
è il momento di una nuova recensione!
In questa caldissima mattina d'estate, voglio parlarvi di Noi siamo grandi come la vita  di Ava Dellaira, un romanzo che ho letto un paio di settimane fa e che mi è piaciuto moltissimo.


Uscito il 3 Giugno scorso per Sperling & Kupfer, il romanzo conta 320 pagine e il prezzo per la versione rilegata con sovracopertina è di € 16,90. 



TRAMA
Tutto inizia con un compito assegnato nei primi giorni di scuola: "Scrivi una lettera a una persona che non c'è più". E così Laurel scrive a Kurt Cobain, che May, la sua sorella maggiore, amava tantissimo. E che se n'è andato troppo presto, proprio come May. Per Laurel, la sorella era un mito: bella, perfetta, inarrivabile. Era il sole intorno a cui ruotava tutto, specie da quando i genitori si erano separati. Perderla è stato indescrivibile, qualcosa di cui Laurel non vuole parlare. Sulla carta, invece, Laurel si lascia finalmente andare. E dopo quella prima lettera, che non consegnerà all'insegnante, continua a scriverne altre, indirizzandole a Amy Winehouse, Heath Ledger, Janis Joplin e altri idoli della sorella scomparsa. Soltanto a loro riesce a confidare cosa vuol dire avere quindici anni e sentire di avere perso una parte di sé, senza nemmeno potersi aggrappare alla famiglia perché è andata in mille pezzi. Soltanto a loro può confessare la paura e la voglia di avventurarsi in quel mondo nuovo che è la scuola, la magia di incontrare amiche che ti fanno sentire normale e speciale al tempo stesso. Finché, come un viaggio dentro di sé, quelle lettere porteranno Laurel al cuore di una verità che non ha mai avuto il coraggio di affrontare. Qualcosa che riguarda lei e May. Qualcosa che va detto a voce alta: solo così Laurel potrà superare quello che è stato, imparare ad amarsi e trovare il coraggio di andare avanti.



LA MIA OPINIONE
Quando ho letto per la prima volta la trama di questo libro, ho pensato di doverlo leggere assolutamente. Mi intrigava molto l'idea delle lettere scritte ad artisti scomparsi che hanno lasciato una traccia di loro nella storia.
Non ho mai amato molto i romanzi epistolari, ma a questo dovevo per forza dare una possibilità.
Così ho deciso di prenderlo e devo dire che ho fatto davvero bene a leggerlo!

Laurel è una ragazza di quindici anni, che da due convive con il dolore di aver perso May, sua sorella maggiore.
Per Laurel, May è tutto quello che lei avrebbe da sempre desiderato essere: bellissima, estroversa, simpatica, popolare, un modello che vuole a tutti i costi seguire ed imitare.
Da quando May se n'è andata, nella vita di Laurel c'è un vuoto incolmabile, che non può riempire nemmeno stando vicina alla sua famiglia, dato che i genitori sono separati e lei vive con il padre e la zia a settimane alterne.
May era una parte così importante della sua vita che il vuoto che ha lasciato andandosene via sembra espandersi sempre di più intorno a Laurel, tanto da volerla inghiottire.
L'occasione di cambiare, di essere in qualche modo come la sorella che non c'è più, le capita quando inizia a frequentare il liceo. 
Ma è proprio in questa nuova fase della sua vita, tra nuovi amici e un primo amore, che scopriamo perché Laurel vuole a tutti i costi annullare sé stessa ed essere come May. 
C'è un segreto grande, chiuso nella soffitta della sua memoria, che piano piano tornerà ad emergere, perché soltanto liberandosi di questo segreto Laurel potrà accettare finalmente la morte della sorella e alleviare il suo senso di colpa.
Ed è proprio nelle moltissime lettere che scrive che Laurel si lascia andare, lascia che i ricordi, il dolore, i sentimenti più nascosti, che è abituata a soffocare abbiano invece libero sfogo.

Affrontare il dolore per la perdita di una persona cara non è mai semplice, e lo è sicuramente ancora di più per Laurel, che si colpevolizza per la morte di May. 
Risalire ai motivi per cui questo senso di colpa la affligge e la opprime, impedendole di vivere serenamente, è un vero viaggio nella memoria, che compiamo insieme a Laurel, attraverso le sue lettere. 

Noi siamo grandi come la vita è un romanzo sicuramente triste e molto malinconico, ma ci sono moltissimi altri sentimenti che emergono dalle parole che Laurel scrive. Ecco, questo è un romanzo davvero pieno di sentimenti, che pagina dopo pagina travolgono il lettore, in un climax che arriva al suo apice proprio nelle ultime lettere.
E' un romanzo coinvolgente, ma allo stesso tempo lento, passivo. Per raccontare la sua stria, May ha bisogno di ritornare più volte nel mondo dei suoi ricordi, tanto che più e più volte ci ritroviamo davanti ai medesimi scenari, ma non per questo il romanzo mi è piaciuto di meno.
Per descrivere un dolore così grande, leggendo ho pensato che anche l'autrice doveva aver vissuto un'esperienza simile, perché è un dolore vero, quasi tangibile. Mi sono informata, ed avevo ragione, anche Ava Dellaira ha vissuto una perdita così devastante per lei.

Non posso che consigliarvi di leggere questo romanzo, che per me è una delle migliori letture di quest'anno. Se poi volete emozionarvi ancora di più leggendo, vi consiglio di ascoltare le canzoni in questa playlist, che contiene alcuni brani degli artisti a cui Laurel scrive.



Il mio voto per questo romanzo è quattro riccetti e mezzo!

25 commenti:

  1. Bellissima recensione Annie, anche io credo sarà una fantastica lettura, spero di inziarlo prestissimo!!! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille *-*
      E' davvero un bellissimo romanzo, spero possa piacere anche a te!

      Elimina
  2. davvero una bella recensione!
    questo libro è stato uno dei miei ultimi acquisti e non vedo l'ora di leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Allora ti consiglio di leggerlo appena puoi, è davvero una lettura imperdibile!

      Elimina
  3. Mi è arrivato da poco e non vedo l'ora di leggerlo, devo solo aspettare di concludere ciò che sto leggendo! Spero non mi deluda *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono così tante emozioni e sentimenti in questo romanzo che alla fine é impossibile non lasciarsi coinvolgere, quindi ti consiglio davvero di leggerlo al più presto!

      Elimina
  4. Devo leggerlo! >_<
    Sono settimane che me lo ripeto, ma l'input non arriva...ho bisogno dello spirito giusto per affrontarlo >_< arriverà, prima o poi arriverà.
    Recensione davvero bella Annie :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, per leggere romanzi di questo tipo ci vuole il mood giusto e se non arriva è difficile affrontarli oppure alla fine si rimane delusi.
      Aspetto di sapere cosa ne pensi in ogni caso :)

      Elimina
  5. Non avevo mai sentito parlare di questo libro, ma la trama sembra davvero interessante! E la tua recensione mi ha incuriosito **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felicissima di averti incuriosita!
      Questo romanzo è davvero splendido, spero tu possa leggerlo presto :)

      Elimina
  6. Devo leggerlo al più presto! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere cosa ne pensi alla fine ;)

      Elimina
  7. Questo libro dovrà essere mio, adoro la cover e la tua recensione mi ha convinto ancora di più! Buona serata!
    Ely

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cover è bellissima, sono felice che abbiano mantenuto quella originale, anche se come titolo preferivo molto di più Love letters to the dead, quello italiano lo fa sembrare molto Noi siamo infinito.

      Elimina
  8. Già dalla copertina mi ispirava un sacco...dopo questa recensione sarà sicuramente una delle prossime letture :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice di averti incuriosita con la mia recensione.
      Spero tu possa leggerlo al più presto!

      Elimina
  9. Voglio leggerlo assolutamente, poi oggi è l'anniversario di morte di Amy Winehouse *_*
    LO VOGLIO, LO VOGLIO, LO VOGLIO ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero un bel romanzo, le lettere a questi personaggi sono tutte molto profonde e commoventi.
      Spero tu possa leggerlo presto!

      Elimina
  10. Avevo già adocchiato questo romanzo dall'uscita americana e ora ho il libro in attesa di essere letto.
    Mi rassicura la tua recensione: sarà un libro molto emozionante, ma dovrò aspettare che arrivi il momento giusto per leggerlo. ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un libro molto emozionante, che io ho cominciato quasi per caso, e sono stata fortunata a beccare il momento giusto.
      Mi sono emozionata tantissimo leggendo, questo è indubbiamente uno dei migliori romanzi che ho letto quest'anno!

      Elimina
  11. Voglio! Devo assolutamente leggere questo libro *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io non posso fare a meno di ripetere che lo stra-consiglio!

      Elimina
  12. Devo dire che anch'io ho apprezzato molto questo libro! Il fatto che fossero tutte lettere mi stava per dissuadere dal leggerlo, ma data la sua trama intrigante ho deciso di tuffarmici e penso di aver fatto davvero la scelta giusta. *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me i romanzi epistolari non sono particolarmente simpatici, questo fa decisamente eccezione!
      Una lettura imperdibile, vero?

      Elimina
  13. Mi sa che oggi sto diventando un po' ripetitiva ma.... bellissima recensione! *__* E concordo, concordo e concordo ancora! :)
    E' stata una delle mie letture estive: era da parecchio che volevo leggerlo ed ero parecchio indecisa: lo prendo in lingua originale o aspetto che esca in italiano? Ha vinto la pigrizia e ho aspettato l'uscita nostrana (anche perché non è stata una lunga attesa), ma non me lo sono fatta scappare! :)

    RispondiElimina