lunedì 7 luglio 2014

Recensione di "Silver" - Kerstin Gier

Cari visitatori della Tana,
prima di cominciare a scrivere questa recensione ci tengo a chiedervi scusa per la mia assenza dell'ultimi periodo, che credo si prolungherà per il resto dell'estate. Con questo non voglio dire che non ci sarò, ma semplicemente che non potrò essere presente come durante il resto dell'anno. Tra l'università, un trasferimento nella mia casa per le vacanze e la connessione mobile che ultimamente mi abbandona più spesso del solito avrò qualche problemino, ma ce la metterò tutta per non abbandonare il blog!

Ma passiamo all'argomento del giorno, ossia la recensione di Silver, ultimo romanzo di Kerstin Gier e primo volume della omonima trilogia.
Uscito in Italia per Corbaccio lo scorso Febbraio, il libro conta 323 pagine. Il prezzo è di € 16,40 per la versione rilegata con sovracopertina.




TRAMA
Porte con maniglie a forma di lucertola che si spalancano su luoghi misteriosi, statue che parlano, una bambinaia impazzita che si aggira con una scure in mano... 
I sogni di Liv Silver negli ultimi tempi sono piuttosto agitati. Soprattutto quello in cui si ritrova di notte in un cimitero a spiare quattro ragazzi impegnati in una inquietante cerimonia esoterica. E questi tipi hanno un legame con la vita vera di Liv, perché Grayson e i suoi amici sono reali: frequentano la stessa scuola, da quando Liv si è trasferita a Londra. Anzi, per dirla tutta, Grayson è il figlio del nuovo compagno della mamma di Liv, praticamente un fratellastro. Meno male che sono tutti abbastanza simpatici. Ma la cosa inquietante - persino più inquietante di un cimitero di notte - è che loro sanno delle cose su Liv che lei non ha mai rivelato, cose che accadono solo nei suoi sogni. Come ciò possa avvenire resta un mistero, esattamente il genere di mistero davanti al quale Liv non sa resistere...



LA MIA OPINIONE

Chi segue il mio blog da più tempo, o meglio, chi ha letto le mie recensioni della Trilogia delle Gemme, sa che ho amato moltissimo quella serie. Proprio per questo avevo delle aspettative su questo nuovo romanzo, che devo dire non sono state del tutto disattese.
Ma come sempre, andiamo con ordine.

Liv Silver è una giramondo contro la sua stessa volontà. Figlia di genitori separati, insieme alla sorella minore e a Lottie, ragazza alla pari che da anni si occupa di entrambe, segue alternativamente i genitori nei loro spostamenti.
Ma la sua vita sta finalmente per stabilizzarsi: La madre ha ottenuto un posto ad Oxford, famosissimo college inglese e tutta la famiglia sta per trasferirsi in un cottage nelle vicinanze del nuovo posto di lavoro della madre.
Seppur abituata agli imprevisti, Liv non si sarebbe mai aspettata che ad un passo dalla stabilità le capiti l'ennesimo. E' proprio appena messo piede a Londra che la madre si presenta con Ernest Spencer, il suo nuovo fidanzato e in un attimo sconvolge i piani di Liv: niente più cottage ma un lussuoso appartamento a Londra, niente più scuola immersa nel verde ma gettonatissima scuola privata nel centro di Londra.
Ed è proprio a scuola, la Frognal Academy, che Liv fa incontri interessanti. Non sto parlando di Penelope, la sua madrina, ma di quattro ragazzi bellissimi.
E' impossibile non notarli, dato che per i corridoi camminano tutti e quattro mantenendo lo stesso passo, e tutti si voltano al loro passaggio. Tutti li conoscono, tutti vorrebbero essere come loro.
Che tra i quattro ragazzi è quasi scontato che ci sia Grayson, uno dei due figli di Ernest, ma certo non è scontato quello che succede dopo la prima cena con la famiglia di quest'ultimo: Liv comincia a fare dei sogni, sogni vividissimi in cui incontra i quattro ragazzi.
E' da quel momento che Liv viene trascinata in un vortice fatto di demoni, riti, sogni, e molti,, molti misteri.

Come vi dicevo all'inizio, ho amato moltissimo la Trilogia delle Gemme della Gier, e in parte mi aspettavo di ritrovare quella verve, quel brio che tanto avevo apprezzato nello stile di


questa autrice in quei romanzi. Questa aspettativa è stata attesa soltanto in parte: non mancano l'ironia e le battute divertenti e anche il ritmo della narrazione che è molto coinvolgente, ma lo stile mi è sembrato meno incisivo, meno brioso, soprattutto all'inizio del romanzo.

Devo dire però che una volta preso il ritmo della lettura e degli eventi, non si può fare a meno di lasciarsi trascinare nel mondo di Liv e nei suoi sogni, un mondo dal quale è difficile uscire, sia per la stessa Liv che per chi legge! 

Per quel che riguarda i personaggi, devo ammettere che è difficile non apprezzarli.

Liv mi è molto simpatica. Anche se anagraficamente ormai sono parecchio distante da lei, mi è piaciuta molto la sua caratterizzazione, in particolare la sua ironia. 

Per il lettore è molto semplice immedesimarsi in lei, è davvero un personaggio allo stesso tempo semplice ma con un modo di ragionare tutto suo, che devo dire mi piace molto.
Per quanto sia un personaggio minore, ho apprezzato moltissimo anche la sorellina di Liv, Mia. Mi ha ricordato a tratti Mercoledì Addams, ma meno macabra. Ha un senso dell'umorismo tutto suo che non ha mai mancato di farmi sorridere.

Per quanto riguarda i Dream Boys, ho sicuramente apprezzato Henry, innegabilmente il più affascinante tra i quattro cavalieri. E' intrigante, dolce...e poi diciamocela tutta, è così inglese vecchia maniera che non si può fare a meno di adorarlo.
Innegabilmente adorkable (adorable + dork, quindi adorabilmente scemo) è Jasper, così adorabilmente distratto e tonto che, anche lui, dobbiamo amarlo per forza.
Grayson ha sicuramente un suo fascino, fatto soprattutto di mistero, e secondo me avrà molto da dire anche nei prossimi libri della trilogia.
Completa il quartetto Arthur, in cui non ho visto molto più della sua perfezione fisica. Tra i quattro ragazzi, è sicuramente quello che ho apprezzato di meno, nonostante all'inizio mi sembrava che potesse avere un ruolo più incisivo nella vicenda.

Carini i personaggi e originale la trama sicuramente, ma Silver è comunque un romanzo introduttivo di una trilogia, e secondo me troppe domande sono rimaste senza risposta.
Certo, c'è ancora lo spazio di due libri per chiarire molte cose, ma come lettrice mi ha un po' infastidito non riuscire a capire il perché di alcune cose che succedono nei sogni, soprattutto di piccoli particolari che secondo me potevano trovare risposta.
Nel complesso però ho trovato che questo sia un buon libro, che porta sicuramente la firma della Gier, anche se in modo un po' diverso dalla Trilogia delle Gemme.
Sono sicuramente curiosa di leggere il prossimo romanzo, che arriverà da noi in autunno!


Il mio voto per questo romanzo è tre riccetti e mezzo!

16 commenti:

  1. Mi ispira molto come libro, mi piacerebbe acquistarlo, ma attendo ancora un po D: ne ho ancora troppi da leggere :S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti capisco, Ambra!
      Anche la mia WL, ma soprattutto la mia TBR, sono lunghissime al momento!

      Elimina
  2. Concordo con te! un sacco di domande senza risposta! :/ forse un po' troppa irona :/
    e ho trovato la trama davvero debole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, troppi interrogativi.
      A dire il vero l'ironia di Liv a me piace, da un tocco di pepe al romanzo.
      La trama secondo me ti è sembrata debole proprio per il fatto che molte cose sono rimaste irrisolte. Io spero bene per il prossimo romanzo!

      Elimina
  3. Anch'io ho avuto le stesse impressioni: mi aspettavo spiegazioni in più su moltissimi particolari riguardanti i sogni e in questo la Gier è carente. Non sono convinta di porre il romanzo a tutt'altro livello rispetto alla Trilogia delle Gemme, ma è un'opinione che avrò più chiara solo alla fine, credo. Comunque una lettura molto piacevole :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente piacevole come lettura, non c'è dubbio :3
      Aspetto il secondo romanzo per farmi un'idea più completa, sono sicura che la Gier può fare di meglio!

      Elimina
  4. L'ho trovato carino, ma ho preferito di gran lunga la "Trilogia delle Gemme"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me la Trilogia delle Gemme è piaciuta molto, ma prima di condannare questa credo proprio che aspetterò di leggere i due romanzi rimanenti. Sento che ha del potenziale!

      Elimina
  5. Anche io ho preferito la Trilogia delle Gemme, ma anche Silver non è male, sono molto curiosa di sapere che accadrà nel secondo volume :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici!
      Sono curiosissima anch'io!

      Elimina
  6. Ciao carissima! Io devo dire che ho trovato lo stesso stile fresco e brioso proprio della Gier, una protagonista davvero divertente ma... la trama mi ha lasciato un po' perplessa sono parecchie le cose che restano un po' troppo nel vago mentre nella "Trilogia delle gemme" davvero tutto si teneva, c'era un'attenzione per il dettaglio direi quasi maniacale che qui a mio avviso non è allo stesso livello ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella Trilogia delle Gemme tutto era molto più "raccolto" e il ritmo sicuramente più incalzante, ma credo che questo romanzo abbia del potenziale! Aspetto con curiosità il prossimo :)

      Elimina
  7. Ciao complimenti per il blog - davvero carino !
    Tua nuova follower su GFC Bloglovin E Facebook
    Adoro leggere tanto e sempre ........
    Io ho tre blog che parlano di passioni ed argomenti molto diversi
    Passa de me e scegli quello che preferisci se vuoi rendere il follow
    Il Primo tratta di fantasy http://ilrifugiodeglielfi.blogspot.it/
    il secondo del mio pattinatore preferito un vero artista del pattinaggio Stéphane Lambiel http://stephanelambielheartonice.blogspot.it/ ed il terzo sulla fotografia http://fotografiaevita.blogspot.it/

    Ti aspetto da me

    Un saluto ed a presto

    RispondiElimina
  8. Annie, vedo che siamo sulla stessa lunghezza d'onda :) sono d'accordissimo con tutto ciò che hai scritto.
    La Gier è famosa che per svelare poco alla volta, ma in questo primo volume ha davvero esagerato svelando poco e niente xD meno incisivo della trilogia delle Gemme ma ugualmente affascinante nella scelta della tematica.
    Tutta la parte relativa alle porte sui sogni degli altri mi ha davvero affascinata *w*
    Anche per i quattro biondoni la penso come te XD tanto amore per quel tonto di Jasper, per quel fascinoso di Henry e per quel cucciolino di Grayson <3 a lui più amore di tutti. Un grande meh per Arthur.

    Speriamo arrivi presto il secondo volume *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, le cose svelate sono state davvero poche. Un po' sono rimasta delusa, ma dall'altra parte sono curiosa di sapere cosa succederà in Gold La tematica dei sogni è senza dubbio interessante, almeno quanto quella dei viaggi nel tempo!
      I Dream Boys sono bellissimi indubbiamente, ma Arthur proprio no -__- Mi ha delusa, speravo si dimostrasse più interessante!

      Elimina
  9. Non sono ancora riuscita a metterci le mani sopra, anche se mi ha sempre ispirato parecchio... dopo la tua recensione però faccio davvero fatica ad aspettare!!!! :)

    Comunque, mi sono accorta che non ti ho ancora fatto i complimenti per la grafica del blog... per la serie meglio tardi che mai, mi piace molto! ^^

    RispondiElimina