martedì 24 maggio 2016

Top Ten Tuesday #83: Dieci libri sui quali ho cambiato opinione

Cari visitatori della Tana,
benvenuti ad un nuovo appuntamento con la Top Ten del Martedì. L'argomento che oggi propone The Broke and the Bookish è sicuramente molto interessante enon ci ho pensato due volte a trattarlo. Oggi voglio parlarvi di libri sui quali ho cambiato opinione. Nella Top Ten che segue, quindi, troverete libri sui quali adesso, a distanza magari di qualche tempo, la penso diversamente, sia in positivo che in negativo.

  • Alice in Zombieland di Gena Showalter.Avevo detto che avrei continuato a leggere questa serie, ma a quanto pare il mio poco amore per Cole, personaggio maschile pieno di cliché, ha prevalso e alla fine non ce l'ho proprio fatta a rivederei suoi occhi di quello strano color violetto.
  •  Black Ice di Becca Fitzpatrick.Avevo dato a questo libro tre riccetti come voto, ma ripensando al romanzo nel corso del tempo, credo di aver letto uno dei libri più nosense da quando ho aperto il blog. Il mio voto scenderebbe sicuramente se dovessi rivalutarlo adesso.
  • Chi è Mara Dyer e Io non sono Mara Dyer di Michelle Hodkin.
    Quando ho letto il primo libo di questa trilogia, nonostante fossi rimasta stordita dai primi capitoli della storia, alla fine ero rimasta soddisfatta. Ancor di più lo ero quando ho letto il secondo volume della serie, ma adesso, ripensandoci a quasi sue anni di distanza, ricordo ben poco di quanto ho letto e tutto l'entusiasmo per l'ultimo volume della serie (sul quale, tra parentesi, ho letto anche recensioni molto negative), è semplicemente scemato. 
  • Teorema Catherine di John Green.
    Scrivendo a caldo la recensione di questo romanzo, avevo trovato una serie di punti positivi che mi avevano portato ad un voto di quattro riccetti e mezzo. Ripensando a questo libro e a quello che mi ha lasciato, però, mi sono resa conto che mi ha lasciato ben poco e che di questo romanzo ricordo bene i dialoghi divertenti tra Colin e Hassan, ma poco altro. Ecco, alla fine leggendo anche Città di Carta, i personaggi dei romanzi di Green mi sono sembrati tutti un po' stereotipati nonostante le loro peculiarità, come se si assomigliassero nonostante le evidenti differenze proprio perché si differenziano dall'adolescente medio.
  • Quando il diavolo mi ha preso per mano di April Genevieve Tucholke.
    Avevo dato tre riccetti e mezzo a questo libro che, ripensandoci adesso, era un NOPE grande quanto una casa da tutto principio.
  • Uno splendido disastro di Jamie McGuire.
    Ho riletto la mia recensione di questo libro e ripensando a come ho parlato di questo libro in seguito e a quello che mi ha lasciato veramente, mi vergogno come una ladra di aver scritto questa recensione. Chiedo umilmente perdono.
  • Le scarpe son desideri di Mara Roberti.
    Gli avevo dato tre riccetti, ma in realtà, ripensandoci adesso, lo ritengo un romanzo breve abbastanza useless.

  • La Trilogia delle Gemme (Red, Blue, Green) di Kerstin Gier.
    Non ho esattamente cambiato opinione su questa trilogia. Continuo a ritenerla una serie per ragazzi molto carina, senza contare che tratta uno dei miei temi preferiti, quello dei viaggi nel tempo. Tuttavia nell'ultimo periodo mi è capitato di vedere i primi due adattamenti cinematografici della serie e pur sapendo e avendo letto che c'erano stati diversi cambiamenti rispetto ai libri, non riuscivo proprio a ricordare quali fossero gli elementi fedeli ai romanzi e quali no. Da questo ho dedotto che sì, resta una serie carina, ma non è nel pantheon delle mie irrinunciabili.


E per oggi è tutto, cari lettori.
Voi su quali libri avete cambiato opinione, invece? Fatemelo sapere in un commento.
Alla prossima! 


13 commenti:

  1. Su Black Ice concordo pienamente! L'ho letto l'anno scorso e No, no e no...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, è un libro parecchio confuso ^^

      Elimina
  2. "Uno splendido disastro" l'ho odiato dalla prima all'ultima pagina, proprio non l'ho sopportato, mentre per quanto riguarda "Chi è Mara Dyer" sono completamente d'accordo con te| L'ho letto se non sbaglio l'anno scorso (o forse anche di più) ma non mi ricordo assolutamente niente della storia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la serie di Mara Dyer fossi riuscita a leggerla in un tempo breve l'avrei sicuramente apprezzata di più, ma adesso a distanza di tempo ho proprio un vuoto di memoria su tutta la vicenda.

      Elimina
  3. Da Teorema Catherinemi aspettavo di più, l'ho trovato carino e divertente ma niente di più. Meglio Cercando Alaska e Città di carta. Della Trilogia delle Gemme, invece, conservo un bel ricordo. A me capita il contrario pagari un libro non mi sta piacendo e lo smetto poi lo ricomincio e mi piace XD Buone letture!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho un bel ricordo della trilogia delle Gemme, solo che i miei ricordi sono un po' offuscati xD So che è carina e tutto, ma non ricordo la vicenda nei dettagli.

      Elimina
  4. Questo tema mi piace un sacco, devo assolutamente segnarmelo xD
    Concordo su Black Ice e Quando il diavolo mi ha preso per mano, terribili! La McGuire la odio a prescindere. La Trilogia delle Gemme invece, anche a distanza di anni, continuo a trovarla molto carina :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un tema che mi sono divertita molto ad elaborare, devo ammetterlo xD
      La Trilogia delle Gemme anch'io la trovo carina, forse una delle più adatte ad un pubblico giovane adulto dai 14 ai 16 anni, ma ricordo poco la vicenda nei dettagli.
      La McGuire ripensandoci non riuscirei a leggerla di nuovo -_-"

      Elimina
  5. Sono sollevata al pensiero di non averne letto nemmeno uno! Comunque anche secondo me i personaggi di John Green si somigliano un po' tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine mi sono resa conto anch'io che sono tutti molto simili ^^"

      Elimina
  6. Ne avrei di libri da citare!!
    Alice in zombieland e Chi è Mara Dyer li ho letti di recente e non mi hanno fatto impazzire, in particolare quest'ultimo! Forse forse mi sarebbero piaciuti un po' di più un paio di tempo fa, ma non troppo.
    Sulla serie delle gemme la penso come te. Di John Green io ti consiglio Cercando Alaska, a mio parere il migliore (ok, ne ho letti solo tre di Green, ma al momento credo sia il più bello, forse persino più di Colpa delle stelle).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io di Green ho letto tre romanzi, mi manca proprio Cercando Alaska, ma al momento, visto il ostro rapporto di amore/odio non credo lo leggerò.
      E di libri da citare sicuramente ce ne sono altri xD

      Elimina
  7. La trilogia della Gemme mi piacque parecchio, ma è vero che neanche io ricordo molto. Io Travis non l'ho mai sopportato e quello è stato il primo e unico libro della McGuire che mai leggerò!

    RispondiElimina