mercoledì 5 novembre 2014

Recensione di "Vita di Tara" - Graham Joyce

Cari visitatori della Tana,
è tempo di una nuova recensione!
Oggi vi parlo di Vita di Tara, un romanzo autoconclusivo di Graham Joyce che se ne è stato sulla mia mensola per un po', ma ce finalmente la scorsa settimana mi sono decisa a cominciarlo e oggi sono qui a parlarvene.


Il romanzo è uscito per Gargoyle lo scorso Luglio, conta 362 pagine ed il prezzo è di € 18,00.

TRAMA
Dopo il pranzo di Natale Peter Martin riceve una telefonata concitata dal padre che gli chiede di raggiungerlo subito perché qualcosa di sorprendente è accaduto alla loro famiglia. Al suo arrivo, Peter ritrova Tara, la sorella adolescente scomparsa misteriosamente vent’anni prima.
Cosa le è accaduto? E dove è stata in questi lunghi anni? La storia di Tara ha dell’incredibile: ha conosciuto uno straniero nella foresta degli Outwoods ed è stata con lui per mesi in un… mondo parallelo. Per la sua famiglia è impossibile crederle, ovviamente, eppure il cor­po di Tara non è invecchia­to affatto nonostante siano passati vent’anni. L’uni­co che sembra essere dalla sua parte è il suo primo amore, Richie, ma un uomo misterioso la pedina tentando in tutti i modi d’impedirle di riavvicinarsi a lui.
Spetterà allora allo psichiatra, il dottor Underwood, scoprire quali segreti nasconde la mente di Tara e riportare così ai Martin la ragazzina che avevano perduto.
Con una scrittura vivace e coinvolgente, Graham Joyce ci racconta una storia che, come un incantesimo, ci rapisce e ci porta in un mondo dove la realtà incontra la leggenda.

 

LA MIA OPINIONE

Devo ammettere di aver cominciato a leggere questo romanzo senza troppe aspettative. La cover mi piaceva un sacco ma la trama non mi ispirava più di tanto, invece sono rimasta sorpresa da quanto poi ho veramente apprezzato questo libro.

Tara aveva quindici anni quando è misteriosamente scomparsa negli Outwoods. Da allora sono passati vent'anni e la famiglia Martin ha cercato in tutti i modi di superare la cosa, finché Tara, il giorno di Natale, non si presenta alla porta della casa dei suoi genitori.
La ragazza non è per niente cambiata fisicamente e racconta di essere stata via soltanto per sei mesi in un mondo parallelo, dove è arrivata al seguito di un affascinante sconosciuto incontrato negli Outwoods.  Ovviamente la sua famiglia, dai genitori al fratello e alla cognata trovano difficile crederle, ma non per questo si arrendono alle apparenze, anzi, è proprio il fratello Peter insieme a Richie, il ragazzo con cui Tara era fidanzata da ragazza, ad impegnarsi per svelare i segreti dell'avventura della sorella.

Dalla lettura di questo romanzo sono rimasta soddisfatta. Pagina dopo pagina mi sono incuriosita sempre di più e anch'io mi sono tuffata a capofitto nella lettura, con tanta curiosità di saperne di più sull'avventura di Tara.
Vita di Tara non  è in tutto e per tutto un fantasy, anche se ne ha molti aspetti e sicuramente non è un romanzo per ragazzi, ma di certo è un romanzo ben scritto, con uno stile molto descrittivo. Sapete che di solito apprezzo molto i romanzi scorrevoli, in cui lo stile è semplice e diretto, ma in questo caso lo stile è completamente diverso, molto evocativo.
Joyce si prende tutto il tempo necessario per le descrizioni, sia dei luoghi che dei suoi personaggi e anche se questo rallenta la narrazione, non mi è pesato affatto.
Inoltre nella narrazione troviamo più piani narrativi, per cui non solo abbiamo la soia di tara raccontata da lei stessa, ma seguiamo anche diversi personaggi nel piano narrativo del presente, con le diverse storyline che si intrecciano.  
Per quanto riguarda la storia di Tara e del periodo in cui è scomparsa, è una storia molto originale, ben descritta e successivamente analizzata anche dallo psichiatra che segue Tara, ma nel complesso non è molto approfondita. Avrei voluto davvero saperne di più sul mondo che la ragazza racconta di aver visitato, mentre la narrazione si focalizza molto sulla reazione dei familiari di Tara e del suo ex ragazzo al ritorno di lei e alla storia che racconta, con l'aggiunta di flashback che ci fanno conoscere il loro passato, in particolare rispetto alla scomparsa della ragazza.

La cosa più bella e curiosa di questo romanzo è che Joyce non solo riesce a far entrare in contatto fantasia e realtà e analizza la storia di Tara anche da un punto di vita scientifico nel tentativo di darne una spiegazione razionale al lettore, ma vuole anche che sia il lettore a scegliere tra realtà e fantasia, a scegliere se davvero tutto debba avere una spiegazione razionale.

Vita di Tara è un romanzo sicuramente affascinante, in cui fantasia e realtà si fondono su un piano in cui a tratti è difficile distinguerle. Grazie al fatto che ci siano più piani narrativi riusciamo a conoscere molti personaggi e a capirli nel profondo, dato che riesce semplice entrare in empatia con loro. 
E' un libro che va letto soltanto quando si è dell'umore giusto però: il fatto che la narrazione non sia veloce ed incalzante potrebbe stancarvi, ma se apprezzate i misteri e le storie fantastiche sono sicura che riuscirete ad apprezzarlo.



Il mio voto per questo romanzo è quattro riccetti!

19 commenti:

  1. Sono d'accordo con te! Ho apprezzato questo libro per il fatto che l'autore riesce a far incontrare perfettamente realtà e fantasia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio il tratto distintivo più marcato di questo romanzo, secondo me...molti autori non riescono in questa piccola impresa!

      Elimina
  2. Mi ispira un sacco e ne sento sempre parlare bene.. voglio leggerlo >_<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un romanzo che è stato accolto molto bene, anch'io l'ho notato...e pensare che inizialmente non ci avrei scommesso molto!

      Elimina
  3. Nonostante le recensioni postive, questo romanzo continua a non attirarmi :( e dire che la storia è interessante...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente, la storia è interessante, ma ripeto, bisogna essere nel mood giusto per leggerlo. Se lo inizi nel momento sbagliato potresti abbandonarlo e non riprenderlo più!

      Elimina
  4. Questo romanzo è nella mia WL ** ho letto ottime recensioni a riguardo, e la tua non fa che incuriosirmi di più!

    RispondiElimina
  5. Ne sento parlare sempre bene, lo leggerò ma come dici tu, al momento adatto! Bella recensione Annie :3

    RispondiElimina
  6. Lo sto leggendo adesso e l'ho quasi finito! Il mio inizio con questo libro è proprio uguale al tuo: l'ho cominciato senza grandi aspettative, anzi, la trama non piaceva molto nemmeno a me ma poi ho cominciato a divorare questo libro! Ogni capitolo si legge benissimo e non vedo l'ora di vedere chi è che preoccupa Tara!
    Inoltre quando hai detto " vuole anche che sia il lettore a scegliere tra realtà e fantasia" sono proprio d'accordo con te! Dopo l'esperienza con Vita di Pi, ho cominciato a vedere sia l'aspetto della storia di Tara e sia quella di Vivian (dio che nome! XD) e non so ancora quale scegliere... ma penso che mi fiderò di quello che dice Tara! Lo sai che ogni volta che Tara descrive il mondo parallelo in cui è stata mi sembra come di stare in un sogno: tutto è così straordinario e impossibile che mi fa ricordare proprio i miei sogni! XD
    Comunque bella recensione :) ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, questo romanzo ti trascina piano piano, fino a quando non ti lasci prendere dalla lettura!
      Hai ragione, il mondo che descrive Tara è così bello, ben delineato ma anche distante dalla realtà da sembrare un luogo da sogno.
      Fammi sapere cosa ne pensi appena avrai finito di leggerlo!

      Elimina
  7. Ho letto solo opinioni positive per questo libro e ora voglio proprio leggerlo, anche se onestamente all'inizio non gli avrei dato un centesimo! La trama e tutto quel verde mi intrigano :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem, nemmeno io ci avrei scommesso molto su questo romanzo, invece mi ha sorpresa!

      Elimina
  8. Oh, bene! Mi rassicuri non poco. La trama mi ispira molto, ma avevo letto un'opinione un po' freddina probabilmente dovuta allo stile che rende tutto un po' lento.
    Grazie per la tua recensione: ora so cosa aspettarmi e il romanzo scala qualche posizione nelle possibili letture. Lo stile potrebbe essere quello che fa per me =D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo stile non è molto scorrevole, quindi se piacciono i romanzi che praticamente si leggono da soli allora si fatica un po' ad andare avanti, ma posso garantirti che ne vale la pena, è un bel romanzo!
      Grazie a te come sempre, che mi fai arrossire =*w*=

      Elimina
  9. Ho ignorato finora questo titolo perché la trama non mi ispirava, ma magari un pensierino ce lo faccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di tenerlo in considerazione!

      Elimina
  10. Be' è nella mia wishlist da tantissimo tempo mi ha da subito incuriosita e sto leggendo così tanti pareri positivi ^^ E poi questa attenzione dell'autore verso l'aspetto razionale oltre che quello fantastico... la trovo molto originale e invitante!

    RispondiElimina
  11. Complimenti per la recensione, è davvero carina e soprattutto mi ha schiarito parecchie le idee :)
    Avevo già adocchiato questo libro in libreria ma la storia non mi convinceva: mi sembrava carina ma c'era qualcosa che tutte le volte me lo faceva riposare sullo scaffale, ma ora se mi ricapita tra le mani me lo porto a casa! *_*

    RispondiElimina