martedì 27 ottobre 2015

Top Ten Tuesday #64: Dieci desideri che chiederei di esaudire al Genio dei Libri


Cari visitatori della Tana,
benvenuti ad una nuova Top Ten!
Per The Broke and the Bookish oggi il tema halloweenesco era d'obbligo, ma visto che io non amo molto il genere horror la mia top ten di oggi si sarebbe ridotta ad una misera top two, quindi ho deciso di andare a pescare tra i temi non ancora trattati e di proporvi un argomento diverso.
Vi propongo oggi la lista dei Dieci desideri che chiederei di esaudire al Genio dei Libri.
Nella speranza che un genio dei libri esista davvero (magari!), eccovi la mia lista.

1. Vorrei avere più tempo per leggere;
Credo che il tempo sia uno dei fattori che di più influisce sulla mia vita di lettrice. Negli ultimi anni questo tempo si è drasticamente ridotto e sicuramente io non riesco più ad ottimizzarlo, quindi credo proprio che ci vorrebbe un piccolo aiuto da parte del genio. Una giornata di 27 o 28 ore basterebbe!

2. Vorrei avere più mensole o una libreria più grande;
Lo spazio per i libri non è mai abbastanza. Nonostante io abbia ridotto l'acquisto di libri cartacei (o almeno ci ho provato!), mi rendo conto che lo spazio a mia disposizione per sistemare la mia collezione senza doppie o triple file o piramidi improbabili che rischiano di crollare da un momento all'altro!

3. Vorrei riuscire a leggere tutti i libri che voglio leggere;
E con questo intendo avere accesso a questi libri (non necessariamente possederli, anche se non sarebbe male!), riuscire a sfoltire la TBR e ovviamente il fattore tempo sarebbe importantissimo.

4. Vorrei che gli editori italiani valutassero meglio le loro pubblicazioni;
Negli ultimi tempi ho visto le librerie riempirsi di romanzi dello stesso genere a ondate periodiche: prima gli urban fantasy (e non che mi dispiacessero poi troppo), poi i distopici, gli erotic romance e adesso i new adult. Alcuni sono generi che leggo anch'io e molto volentieri, ma la "febbre" portata dai successi di alcuni romanzi ha portato gli editori italiani a pubblicare anche dei romanzi veramente di scarsa qualità e la cosa non mi è piaciuta affatto.
Inoltre spesso sono stati lasciati da parte romanzi e serie meritevoli di pubblicazione, con il risultato di lasciare i lettori ancora più scontenti, quindi se il genio volesse accontentarmi, vorrei che gli editori valutassero soprattutto la qualità di un romanzo.

5. Vorrei che nella mia città si organizzasse una fiera o manifestazione sui libri come si deve;
Non fraintendetemi, perché per chi come me vive a Palermo Una Marina di Libri, che negli ultimi anni ha fatto il boom di presenze rispetto alle aspettative, è stata veramente una bella boccata d'aria fresca e non smetterò mai di ringraziare gli organizzatori e tutte le persone che ogni anno si impegnano per mettere in piedi questo evento.
Tuttavia credo che in una città così grande e così importante dal punto di vista culturale si potrebbe fare più e sarebbe meraviglioso se prima o poi si riuscisse ad organizzare una fiera più grande e che riesca a coinvolgere più persone e più editori.

6. Vorrei che i produttori cinematografici/televisivi rispettassero di più i libri da cui traggono i film;
Lo so che sarebbe troppo richiedere una massima aderenza al libro, ma alcuni adattamenti sono stati disastrosi e come conseguenza non sono stati prodotti i seguiti.
Ne sono l'esempio il film tratto dal primo volume della serie The Mortal Instruments di Cassandra Clare o ancora quello tratto da Vampire Academy di Richelle Mead. Certo, forse entrambi i libri non erano adatti a diventar dei film, ma i produttori hanno combinato dei veri pastrocchi.
Passando alle serie TV impossibile non citare l'ultima stagione di Game of Thrones, che con il libro aveva veramente poco a che vedere e che ha scatenato una grossa polemica tra Martin e gli autori dello show.
E' davvero troppo chiedere un maggior rispetto del libro?

7. Vorrei poter incontrare tutti i miei autori preferiti;
Queste persone devono sapere che con i loro libri hanno cambiato un po' la mia vita e spesso hanno influito in modo determinante, quindi sì, devo incontrarli!

8. Vorrei poter trasformare la mia passione per i libri in un lavoro;
Beh, cosa ci sarebbe di più soddisfacente di vivere lavorando in mezzo ai libri?

9. Vorrei poter ricordare BENE tutti i libri che ho letto;
Vorrei davvero ricordare tutte le trame e i personaggi, anche dei romanzi letti tanto tempo fa. 

10. Vorrei che TUTTI capissero e apprezzassero di più i libri, la letteratura e la passione per la lettura.
Niente da aggiungere su questo punto, mi pare!


E per oggi è tutto, miei cari.
Fatemi sapere quali sono i desideri che condividiamo e quelli che voi chiedereste al Genio dei Libri di esaudire.
Alla prossima!

17 commenti:

  1. Sarebbe sicuramente un mondo migliore, se il Genio esaudisse i tuoi desideri!!! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so >.< sarebbe un mondo meraviglioso!

      Elimina
  2. 1-3-8-9-10....le voglio anche io!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbero dei meravigliosi desideri esauditi, vero? :3

      Elimina
  3. Sono assolutamente d'accordo con te per quanto riguarda il punto 4. Per gli editori italiani i libri sono solo un modo per fare soldi, e si vede anche dai prezzi che ormai hanno raggiunto quasi tutte le nuove uscite, specie quelle in copertina rigida. Quindi quando vedono che un filone va di moda, ecco che i scaffali si riempono con quel genere. E anche con copertine magari simili, come quelle con una tizia con un'espressione vuota in primo piano-__- A volte sono così simili che mi confondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici -_- Negli ultimi dieci anni (più o meno dall'uscita di Twilight), questo fenomeno si è ripetuto con diversi generi e non capisco veramente il motivo di invadere le librerie con romanzi che sono uno la copia dell'altro >.<
      Meno male che esistono anche editori (magari le CE indipendenti) che vanno in controcorrente!

      Elimina
  4. sono d'accordo con tutti i tuoi punti non resta che trovare il Genio dei Libri per esaudirli u.u oh, di una libreria/mensola nuova ne avrei davvero bisogno pure io ...ci sto provando pure io a ridurre i cartacei (con scarsi successi anche se mi sto impegnando!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ridurre l'acquisto di libri cartacei non è affatto semplice, lo so per esperienza!

      Elimina
  5. Mi trovo d'accordo praticamente con tutti i punti, soprattutto con l'ultimo... vorrei che si capisse di più l'importanza dei libri e della lettura, che si comprendesse quanto sia significativa la letteratura e quanto incida sulla formazione di persone equilibrate e sensibili ^.^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In molti non capiscono che la lettura non è una perdita di tempo, ma un arricchimento, ed è un peccato >.<

      Elimina
  6. Sembra la mia lista ahahah xD tranne per il punto sui film. Li considero prodotti talmente diversi che non li paragono, quindi non mi disturbano le differenze. Però per il resto sono d'accordo su ogni parola! Adesso manca solo trovare il Genio! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io invece un po' ci spero ancora che i film possano rispecchiare a pieno i libri, nella mia ingenuità xD
      Se riesci a trovare il genio, fammi sapere xD

      Elimina
  7. Anche io voglio un genioooo!! XD soprattutto per poter vivere di sola lettura*_*

    RispondiElimina
  8. Sono d'accordo su tutti i punti, ho preparato la lista martedì scorso e praticamente abbiamo desiderato più o meno le stesse cose (più tempo per leggere, più spazio per i libri, maggior numero di amanti dei libri...) ahah XD Ma dov'è un Genio quando serve?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so dove sia questo Genio, ma se riuscissi a trovarlo la mia vita sarebbe migliore xD

      Elimina
  9. Sono d'accordissimo sulla 3, la 6 e la 8. Io mi accontenterei anche di riordinare gli scaffali di una libreria! :D
    I film tratti dai libri mi fanno sempre un po' paura perchè a volte ho assistito a degli stravolgimenti pazzeschi: soprattutto con i libri che hann riscosso molto successo come quelli citati da te, sembra che i produttori vogliano a tutti i costi cavalcare l'onda da dimenticare spesso e volentieri quella che era la base di partenza, cioè il libro.

    RispondiElimina