giovedì 26 febbraio 2015

Roba da lettori #9: Dalla fanfiction al libro




Cari visitatori della Tana,
benvenuti ad un nuovo appuntamento con Roba da lettori, come sempre dedicata ad un tema caro a tutti noi che passiamo il nostro tempo tra le pagine dei libri.
Un paio di giorni fa mi sono messa alla ricerca di ulteriori notizie su un fenomeno ormai dilagante nel mondo dell'editoria, quella delle fanfiction che hanno avuto successo e sono state pubblicate.
Non è un fenomeno ancora molto diffuso in Italia, ma anche da noi, soprattutto dagli USA, sono arrivati dei romanzi che sono nati come fanfiction di altri libri.
Devo partire da una premessa: io amo leggere fanfiction. Che si tratti di libri o serie TV, poco importa, perché ce ne sono davvero di bellissime che ho incontrato nel mio percorso da fangirl e online ci sono degli autori davvero dotati che sanno prendere la parte migliore dei personaggi e creare delle storie bellissime.
Secondo me, però, quando una fanfiction viene pubblicata si oltrepassa un confine che non dovrebbe essere varcato. Le FF sono scritte e fatte per i fan e secondo me è davvero difficile che possano diventare dei libri autonomi e riuscire bene.


L'esempio più famoso di fanfiction pubblicata poi come romanzo è sicuramente la trilogia di Cinquanta Sfumature. Chi ha letto questa trilogia (complimenti per il coraggio! Io ho mollato quando ero a meno di cento pagine) avrà notato che ci sono della palesi somiglianze con la serie Twilight di Stephenie Meyer.
Nessun vampiro e nessun licantropo, ma una perversione sessuale che tormenta Christian, ma sia Anastasia che il suo uomo sono delle copie di Bella e Edward e le dinamiche del loro rapporto nella trilogia seguono esattamente quelli della serie della Meyer. Anche i personaggi che ruotano intorno ai protagonisti sono dei ritratti di Alice, Emmet, Rosalie, Jasper e Jacob. E vi dirò, i loro nomi saranno anche cambiati, ma la James dimostra davvero poca fantasia nel "nascondere" le identità dei suoi personaggi. Insomma, da Jacob a José anche chi ha letto Twilight anni fa non ci vedrà molta differenza e riconoscerà nel migliore amico di Anastasia il caro Jacob Black che tanto ha fatto scervellare Bella.


Proprio oggi arriverà nelle nostre librerie Cancella il giorno che mi hai incontrato di Leisa Rayven, il cui titolo originale è Bad Romeo. Ebbene, anche questa serie (si tratta di una trilogia, infatti), nasce originariamente da una fanfiction AU (alternative universe, cioè ambientata in un contesto alternativo rispetto all'originale) e AH (all human characters, ossia senza personaggi sopranaturali) di Twilight. Non avendo letto questo romanzo non posso ancora pronunciarmi, ma a quanto ho letto anche qui le somiglianze non mancano.

Pubblicata originariamente su FanFiction.net con il titolo di The Diva Diaries (se volete dare una sbirciatina, andate pure qui), la storia ha avuto più di due milioni di visualizzazione e i diritti per la pubblicazione sono stati acquisiti dalla St. Martin's Press. Dopo un attento editing il libro è uscito negli USA a Dicembre 2014, riscuotendo un enorme successo, tanto che Fabbri non ha tardato a farlo arrivare qui da noi.
L'uscita del secondo volume, Broken Juliet, è previsto negli USA per Aprile 2015.

Anche il titolo Gabriel's Inferno vi sarà familiare, perché è una trilogia arrivata anche i Italia, pubblicata da Nord. Ebbene anche questa trilogia nasce inizialmente come fanfiction legata all'opera della Meyer, ma Sylvan Reynard l'ha riadattato come una relazione che nasce tra l'enigmatico professore Gabriel Emerson e l'ingenua studentessa Julia. 
Anche questa trilogia ha riscosso un grande successo oltreoceano, un po' meno dalle nostre parti, e pur non avendo letto i libri, le recensioni che ho trovato online danno notizia di parecchie somiglianze nei protagonisti ai cari Bella ed Edward.
E che dire della serie Beautiful di Christina Lauren? Altra serie nata come fanfiction di Twilight, che dopo aver spopolato negli USA è arrivata anche in Italia grazie a Leggereditore, così come è successo per Mr. Sbatticuore (che titolo!) di Alice Clayton, primo volume della Cocktail Series pubblicato da Mondadori.
Eh sì, sono tutte fanfiction AU di Twilight. Ci avete fatto caso, quando e se li avete letti?

Oltre alle fanfiction rivedute e pubblicate però sugli scaffali delle nostre librerie non mancano anche gli omaggi, ossia tutta quella categoria di romanzi che si ispirano ad un libro ad una serie, riprendendone la struttura e la trama di base.
Uno degli esempi più famosi è sicuramente quello della serie Percy Jackson di Rick Riordan, che prende spunto dalla saga di Harry Potter per quanto riguarda i protagonisti (due ragazzi e una ragazza), il capo estivo che frequentano, che è molto simile a Hogwarts, dato che è diviso in casate, ciascuna dedicata ad uno degli dèi dell'olimpo e poi ovviamente non si può non notare il parallelismo per quanto riguarda le varie missioni/pericoli che Percy ed i suoi amici devono affrontare, così come succedeva a Harry, Ron ed Hermione.
Ho letto soltanto il primo volume di questa serie ma posso dire che Riordan, nonostante questi elementi di base siano ripresi dalla saga della Rowling è riuscito ad inserirci degli elementi diversi in questa serie, riuscendo anche a rendere "nuovi" i miti greci, per tutti coloro che come me sono appassionati.
Altro omaggio, arrivato nelle nostre librerie più di recente, è quello scritto da Cassandra Clare e Holly Black nella serie Magisterium. Prendendo spunto sempre dalla fortunata serie della Rowling. Le due autrici però in questo caso sono rimaste troppo aderenti alla trama di Harry Potter, tanto che anche loro hanno in mente una serie di sette libri e che le somiglianze con la serie omaggiata sono davvero molte e saltano immediatamente all'occhio già dal primo libro. Altro trio protagonista formato da due ragazzi ed una ragazza, un Malfoy, un Silente e anche un Voldemort. Non ho ancora letto questo libro ma tutte le recensioni che ho letto e visto rimarcano proprio le somiglianze con la serie della Rowling, ed io non so se potrei mai riuscire a portare a termine la lettura di un romanzo che riprende così tanti elementi in modo così esplicito.

Tirando le somme di questa riflessione, posso dirvi che personalmente adoro le fanfiction proprio perché sono delle fanfiction e secondo me dovrebbero restare nel mondo dei fan per essere lette ed apprezzate dai fan, non essere modificate e riciclate come libri o serie a sé stanti.
Per quanto riguarda gli omaggi, sono dell'idea che non ci sia nulla di male ad omaggiare un libro o una serie di successo, ma a farlo devono essere degli autori che sappiano anche inserire in queste opere degli elementi nuovi, essendo capaci di distaccarsi dall'opera prima.

E voi che mi dite? Vi siete mai imbattuti in una fanfiction riciclata o in un omaggio e soprattutto cosa ne pensate su questa nuova tendenza nel mondo dell'editoria? 


Aggiornamento:
Dato che alcuni di voi mi hanno chiesto di citare le fonti di questo articolo, ecco da dove ho preso le notizie riguardanti il fatto che i romanzi che ho citato siano originati da fanfiction di Twilight, vi lascio i link qui sotto.

- Pagina Wikipedia IT su Cinquanta sfumature di Grigio, paragrafo 1, "Storia", con relativa fonte citata.
- Articoli su Cancella il giorno che mi hai incontrato di Leisa Rayven: 1 | 2
- Pagina Wikipedia EN su Gabriel's Inferno di Sylvain Reynard, paragrafo 1, riga 4, con relativa fonte citata.
- Pagina Wikipedia EN sulla serie Beautiful di Christina Lauren, paragrafo 1, riga 2 con relativa fonte citata.
- Articolo comparso sul sito Wired.it dal titolo "10 libri (oltre a 50 sfumature di Grigio) nati da fanfiction di Twilight".

Spero di essere stata esaustiva.
Alla prossima!


27 commenti:

  1. Tutte fan fiction di Twilight? Non mi sembra. Certo, l'amore morboso di 50 sfumature (badate, questa serie mi fa ribrezzo quindi non la sto difendendo) può essere confuso con quello di Edward e Bella, ma Gabriel's Inferno no. Non c'è morbosità in questo. Non gridiamo al plagio soltanto perchè si è fan di Twilight, suvvia... ha stancato un po' questa serie.
    Per Bad Romeo invece non saprei, ancora non l'ho letto. Ma su Magisterium ti do ragione, trasuda HP da tutti i pori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Elisa,
      mi dispiace deludenti, ma è così. Prima di scrivere questo articolo mi sono documentata, non sto sparando a caso. Alcuni di quelli citati d'altronde sono libri che non ho letto e basta fare un giro su alcuni siti, sia italiani che americani per vedere come sono nati questi libri.
      Io non sto urlando al plagio di Twilight perché fidati, sono l'ultima persona al mondo che difenderebbe questa serie. Pur avendola letta non sono una fan.
      Sto solo presentando dei dati di fatto e sto esprimendo una mia opinione personale su questo "riciclo".
      Dopo di che, se ci sono dei lettori che hanno apprezzato queste ex-fanfiction io non ci vedo nulla di male, ognuno di noi ha i suoi gusti e legge quello che gli pare ;)

      Elimina
  2. Percy Jackson secondo me assomiglia moltissimo a HP (al punto da disturbarmi) solo nel V volume... Gli altri invece sono innovativi e assolutamente scollegati da HP!
    Per Magisterium... Troppo. Io l'ho abbandonato ad un quarto tanto mi stava infastidendo!!!!

    Caspita pure Bad Romeo? Mi sa di porcatona... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Percy Jackson è un omaggio tra quelli che hanno reso meglio, da quello che h letto io e da quanto mi dicono le recensioni di molti lettori :)
      Magisterium non so e riuscirò a leggerlo senza sentirmi troppo condizionata da queste somiglianze, a meno che non cambi la situazione nei prossimi volumi!

      Bad Romeo effettivamente è un romanzo adult romance/erotico e da quello che leggo ci sono anche elementi BSDM, anche se non come in 50 Sfumature!

      Elimina
  3. Non era nata come fanfitcion di Harry potter anche Shadowhunters della Clare(una Draco/Ginny, se la memoria non mi tradisce di brutto)? In caso credo sia un esempio molto più riuscito rispetto alle 50 Sfumature, perchè pure sapendolo l'unica cosa che può venire in mente è che Jace e biondo come Draco e Clary rossa come Ginny.
    Poi vabbè, Nel quarto c'era tutta una trama riciclatissima da Final Fantasy VII (gioco originale, non tutti gli orrori di spin-off e seguiti partoriti per sfruttare la gallina delle uova d'oro),ma non ho trovato niente in proposito e non so quanto sia un caso e quanto no.
    A livello patria abbiamo avuto la trilogia di Esbat nata come fanfiction di Inu Yasha, ma non so se può contare perchè al 99% Lara Manni è uno pseudonimo di Loredana Lipperini (sul bollino SIAE del libro c'è il nome della Lipperini) quindi la possibilità che non sia una "scoperta" ma un'autrice già affermata che pubblica con peusdonimo c'è.

    Cmq imho quello che è veramente un collage al limite del plagio che dovrebbe stare su fanfiction.net è Eragon >____<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che dopo aver letto il tuo commento mi sono documentata e...effettivamente è così, Shadowhunters nasce come FF Draco/Ginny. Rispetto a 50 Sfumature è molto meglio riuscita, non c'è dubbio, anche perché a parte le caratteristiche fisiche c'è davvero poco di Draco e Ginny in Jace e Clary.
      Ho sentito parlare molto di Esbat nell'ambito di fanfiction diventate libri, ma non essendo esperta di Inu Yasha ho evitato di citarlo nel post, avrei potuto dire ben poco ^^

      Eragorn è una delle saghe che non ho letto e ogni volta che ne ho parlato con qualcuno tutti mi hanno detto di evitarla nemmeno fosse la peste bubbonica. Essendo poi da molti considerata al limite del plagio, direi proprio che ormai è fuori dalle mie letture ^^

      Elimina
    2. Sulla Clare ai tempi (cerxavo informazioni sull'eventuale ispirazione a FF7) trovai un articolo di un mega-flame di quando scriveva fanfiction e fu bannata da FF.net per plagio. Rimasi sconcertata dalla... grandezza della cosa, anche se non piacendomi particolarmente l'autrice non lessi proprio tutto.
      Chi l'ha scritto aveva davvero il dente avvelenato http://fanlore.org/wiki/The_Cassandra_Claire_Plagiarism_Debacle

      Esbat è interessante più per la questione Manni-Lipperini che per la nascita come fanfiction, forse potrebbe essere rilevante per la discussione che fu una pubblicazione precedente alle 50 Sfumature: 2009 contro il 2011, e con un materiale d'origine più di nicchia. Anche se la James è stata pescata dal mucchio mentre la Lipperini pubblicava già da diverso tempo con la Feltrinelli, quindi suppongo che il processo che ha portato alle stampe le due fanfiction sia stato diverso.

      Eragon è una saga che non consiglio: a parte i limiti stilisctici dovuti al fatto che l'autore l'ha iniziata da ragazzino, è veramente un minestrone di idee riciclate (trama di Star Wars; sistema magico di Eddings e LeGuin; rapporto drago/cavaliere della McCaffrey... ). Quando parlavano seriamente della sua originalità mi veniva l'orticaria XD

      Elimina
  4. Sarà strano, ma io fanfiction non ne ho mai lette, non mi ispirano particolarmente ç__ç Le 50 sfumature si sapeva ovviamente, invece per Bad Romeo l'ho scoperto giusto ieri, mi ha stupito anche perchè leggendo la sinossi non mi ho trovato nessun riferimento che mi facesse pensare a Twilight.
    Di Gabriel's Inferno ho letto solo il primo, caruccio ma nulla di più, anche se forse ho trovato qualche somiglianza di più con le 50 sfumature... De la serie di Christina Lauren - ho leggiucchiato solo le prime pagine del primo, e, no grazie! - e Mr. Sbatticuore (che vorrei leggere), non ne avevo idea invece. Magisterium avevo una voglia di leggerlo appena uscito, poi mi è passata perchè ho letto delle somiglianze papali papali con Harry Potter, e boh, non so se ho voglia di leggerlo a questo punto U.U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io con le fanfiction vado a periodi, ci sono settimane che ne leggo a chili (come quando ho scoperto My mad fat diary. Non leggevo altro!), durante altri periodi invece non ne leggo affatto.
      Sulla serie della Lauren effettivamente non ho letto recensioni molto positive, nemmeno dai lettori americani.
      Tra quelle citate anch'io sono incuriosita dalla serie della Clayton, ma mi sa che se dovesi decidermi lo prenderò in estate!
      Su Magisterium siamo d'accordo, non so nemmeno io se riuscirò a leggerlo!

      Elimina
  5. Personalmente non amo le FF che diventano libri, come la serie degli Shadowhunters (che non mi è piaciuta e Jace è IDENTICO al Draco Malfoy delle FF Dramione o delle Draco/Ginny). Per quanto riguarda gli omaggi, in PJ non ho notato niente del genere o richiami ad HP. Nemmeno nel quinto, nel quale molti mi hanno detto di averne trovati. Per me sono entrambe serie meravigliose e ugualmente valide. Non posso dire la stessa cosa per il Magisterium che urla "HP!" già dalla trama D: quindi, sono d'accordo con te: le FF rimangano FF e gli omaggi siano fatti BENE e in maniera originale, così da non sfociare nel plagio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non essendo una lettrice delle storie Draco/Ginny, dato che a me in HP sono sempre andate bene le coppie canon, non avevo idea che Shadowhunters avesse mosso i primi passi come fanfiction finché ieri non me lo ha scritto Katerina nel commento qui sopra.
      Percy Jackson è un esempio di omaggio molto ben riuscito e a parte alcuni elementi di base io nel primo volume non ho trovato molte somiglianze con HP. Aspetto di leggere i successivi per scovarne qualcuno :)

      Elimina
  6. Io non ne ho letta nessuno tranne il primo volume di Percy Jackson che però non mi sembra abbia qualcosa in comune con HP tranne la presenza del trio protagonista, poi certo avventure e robe del genere si trovano in qualsiasi romanzo fantasy...mi è parso molto originale come romanzo!!Il resto non sapevo fosse FF....non rientrano nei miei gusti per cui non ne so nulla!! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, PJ è pieno di elementi comuni nel fantasy e a parte i pochi elementi di base non sono riuscita a trovare molto in comune con HP, almeno nel primo volume!

      Elimina
  7. Io leggo e scrivo fan fiction ormai da anni e continuo a farlo ogni tanto, ma scrivo pure un sacco di originali dove invento trame e personaggi: penso che se hai la fantasia per scrivere una fanfiction di successo (nel web), allora forse non ti sarà difficile scrivere un libro tutto tuo di sana pianta! Sono d'accordo con il tuo post, le fan fiction dovrebbero restare fan fiction, insomma sono nate per fantasticare su una ship, sono il pane quotidiano per noi fangirl, non puoi rovinare il dono che ci hai fatto per soldi rubando poi automaticamente i personaggi di qualcuno cambiandone giusto i nomi. Ne avrò avuto così abbastanza di Twilight in questi anni, che dopo tre capitoli di 50 Sfumature non sono riuscita ad andare avanti XD era tutto così visto e rivisto, con giusto una massiccia dose di sana perversione (che, per me, non è per niente "arrapante").
    Percy Jackson, per quanto sia palese l'omaggio a HP, invece non mi è dispiaciuto, trovo che alla fine sia un omaggio ben fatto. Quindi dico SI agli omaggi, si a prendere un po' di spunto e ispirazione, a patto che poi l'opera sia di per se originale e non plagio allo stato puro, e invece dico NO alle fanfiction che diventano libri, penso che siano solo una "commercialata" che rovina lo spirito iniziale con cui è partito il racconto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, un'altra autrice :3 Anche a me ogni tanto piace scribacchiare FF, anche se lo faccio più per me che per altri lettori :) Non mi sono mai cimentata in storie originali ma sono anch'io dell'idea che un bravo autore che parte dal web come autore di fanfiction può riuscire bene anche nelle storie originali.
      Vedo che anche per il resto viaggiamo sulla stessa lunghezza d'onda, mi fa piacere :3

      Elimina
  8. Bè io sono una che legge e scrive fanfiction, e parto dal presupposto che quando si scrive o si legge una fanfiction lo si fa per restare all'interno di una storia già esistente, perchè "non ne abbiamo mai abbastanza" (comprendi che dunque non mi piacciono molto le AU che stravolgono completamente la storia iniziale) e quindi trovo che non abbia senso trasformarle in qualcosa a sè. Con gli "omaggi" è un altro discorso, perchè magari spesso sono non voluti, ma quando si tratta di cose leggere e ben scritte, non disturbano affatto. In fondo ormai si scrive di qualsiasi cosa e qualche ripetizione è inevitabile xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come autrice e lettrice di FF posso dirti che nemmeno a me piacciono le AU in cui tutto il contesto viene stravolto e i personaggi sono completamente diversi. Mi piace leggere e scrivere dei protagonisti in situazioni diverse, ma preferisco le What if? alle AU :)
      E' vero, nei romanzi di genere in fin dei conti qualche ripetizione è inevitabile!

      Elimina
  9. Io da FanWriter non condivido questa pratica di pubblicare un romanzo che in origine era stato ideato per essere una fanfiction, perché alla fine io vedo come dei tributi agli autori, un modo per omaggiare un anime, romanzo, film, videogioco che ci è piaciuto, o per dar sfogo alle fantasie che ci sono venute in mente leggendo qualche scena o su un pairing che abbiamo adorato.

    Io comunque non pubblicherei mai una fanfiction perché mi sembrerebbe come un torto all'autore.

    Per quanto riguarda un omaggio, non trovo nulla di male, anche io una volta una una mia AU su un anime ho omaggiato un telefilm, prendendo piccoli elementi, solo che per correttezza l'ho specificato durante la stesura, perché altrimenti mi sembrava un comportamento poco corretto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te, pubblicare una FF sarebbe prima di tutto un torto all'autore dell'opera originale, come cavalcare l'onda del suo successo all'unico scopo di far soldi.
      Gestire gli omaggi mi rendo conto che è complicato, sia in un'opera originale che in una FF. Bisogna dosare bene tutti gli elementi!

      Elimina
  10. Da autrice di fanfiction sono d'accordo con te: le fanfiction sono fanfiction, quando diventano qualcos'altro e vengono pubblicate come serie che esulano totalmente dall'originale dovrebbero essere riviste in toto, non solo in qualcosa.
    Anche Shadowhunters dovrebbe essere una ff di Harry Potter, se non mi sbaglio (può essere che mi confonda con altro, eh, ho letto talmente tante serie negli ultimi anni che mi si accavallano nella mente =D) e la cosa a me, fan e fanwriter di Harry Potter, non ha fatto per nulla piacere. E anche The Familiars è una ff di HP, gli elementi usati dagli autori sono lampanti e scopiazzati da HP fin troppo, infatti non ho neanche continuato la serie, perché tanto sapevo come sarebbe andata a finire.

    Da autrice di originali sono comunque d'accordo con te, anche se mi è capitato di iniziare a scrivere una ff e poi dire "ok, ma questa cosa sarebbe troppo pazzesca in un'originale" e così ho iniziato a cambiare cose qui e là per rendere il tutto più mio. Per una ff ci sono riuscita e ho eliminato ogni elemento richiami Harry Potter (tra l'altro la protagonista era un personaggio secondario di HP, sì caratterizzata dalla Rowling, ma non tantissimo), per un'altra invece non ci sono ancora riuscita, perché l'elemento fantastico è il cardine, e quindi è difficile esulare da HP, ma ci lavorerò ancora, tanto nessuno mi corre dietro con scadenze e roba varia =D
    Le mie idee migliori, per quanto riguarda la scrittura, sono state sviluppate nelle ff, lo ammetto senza tanti problemi ed è per questo che tendo a non valicare il confine tra ff e originali troppo spesso, anche perché mi sembrerebbe una sorta di tradimento della serie da cui è partito tutto.

    Gli omaggi sono un altro discorso e anche in questo caso non mi piacciono molto, perché va bene inserire un personaggio o una situazione che magari ne richiama un'altra, ma dovrebbe essere comunque tutto rivisto alla luce di ciò che si sta scrivendo, altrimenti si scade nella fanfiction (e allora perché non scrivi subito una ff?) o, peggio, nel plagio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho scritto qualche comento fa, sì, è vero, Shadowhunters nasce come FF Draco/Ginny. Personalmente non lo sapevo quando ho letto il primo romanzo, ma adesso che ci rifletto le somiglianze fisiche dei protagonisti ci sono tutte, ma a memoria non ricordo nient'altro.
      C'è da dire però che anche se nasce come FF, la Clare si è distaccata completamente dal mondo potteriano.
      Non conosco la serie The Familiars, ma dopo aver letto il tuo commento sono andata a cercarmi le trame e devo dire che gli elementi potteriani sono già parecchi anche senza cominciare i libri!

      Devo ammettere che anche le mie idee migliori si sviluppano sempre nelle FF, io con le storie originali proprio non ci so fare ^^

      Quello degli omaggi è un contesto complicato. Gli autori magari possono partire anche dalle migliori intenzioni e secondo me devono riuscire a distaccarsi dall'opera omaggiata inserendo la giusta quantità di elementi nuovi. Insomma, il giusto dosaggio di tutto xD

      Elimina
  11. Sinceramente non avevo idea che quei libri da te citati fossero fanfiction. E ti dirò la verità, ho letto le 50 sfumature ma non ho notato somiglianze con twilight (ma forse perché ho cercato di leggerlo senza leggero XD). Insomma sarò una tontolona ma non sapevo proprio niente di questo mondo se non quel poco che ho appurato dal libro Fangirl di Rainbow Rowell. La pubblicazione di queste fanfiction? Perché no... finché l'ispirazione è velata ci sta, ai limiti del plagio magari eviterei XD

    PS: complimenti per la scelta del tema di questo post, mi sembra interessante e stuzzica-polemiche al punto giusto. Se fossi in te aggiungerei alla fine la fonte di alcuni articoli da cui ti sei documentata in modo da avere a sostegno del materiale-in questo modo sarai più credibile ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrizia :)
      su tuo suggerimento ho aggiunto le fonti dell'articolo.
      Spero tu capisca che inizialmente non le avevo inserite perché prima di fare un lavoro di questo tipo mi ero documentata e non mi ero posta il problema "credibilità". Per me è sottinteso che quando si scrive un articolo di questo tipo c'è un minimo di ricerca alla base.
      Ripeto, non sono una fan di Twilight che urla al plagio della mia serie preferita, mi sono limitata ai dati di fatto :)

      Elimina
  12. Già il fatto che siano fanfiction di Twilight mi porta a stare alla larga.
    De gustibus in fondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per carità, nessuno sindaca sui gusti dei lettori!

      Elimina
  13. Ciao Annie... ho discusso in lungo e in largo dell'argomento anche sul mio blog, ed è molto interessante. Non sapevo assolutamente che Bad Romeo nascesse come ff. Francamente l'editing c'è stato e non ne rimane alcuna somiglianza, neanche di schemi. Ammetto che lascia veramente sconvolti leggere la tale quantità di libri che nascono in questo modo. Il fatto è che si cerca di cavalcare un'onda che ancora non si è estinta. Grazie per le informazioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ann :)
      In molte delle FF AU che si trovano in giro le somiglianze con l'opera originale sono pochissime. A parte i nomi dei personaggi. Nelle poche parti che ho letto dell'originale di Bad Romeo c'è davvero pochissimo di Twilight e ancora meno credo ci sarà nel romanzo!

      Elimina