giovedì 28 novembre 2013

Recensione di "Colpa delle stelle" - John Green

Cari visitatori della Tana,
so che aspettate ancora l'ultimo post che doveva essere dedicato a Catching Fire, ma ho pensato che per darvi il mio parere sul film è meglio aspettare un altro paio di giorni. So che sui siti di settore ci sono recensioni del film già da quando c'è stata la premiere, ma preferisco dare un po' di tempo a voi lettori per andare a vedere il film, onde evitare di spoilerarvi qualcosa di importante. Ho deciso che scriverò il post ormai la settimana prossima.

Il post di oggi quindi ho deciso di dedicarlo a Colpa delle stelle di John Green.
Ho letto questo libro grazie al gruppo di lettura organizzato da Giusy del blog Divoratori di Libri e credevo davvero di riuscire a rispettare le tappe...invece ho finito il libro con otto giorni d'anticipo.
Ma ovviamente prima di darvi il mio parere, ecco i dati sul libro: uscito nel 2012 per Rizzoli, conta 347 pagine e costa € 16,00. Il titolo originale è The fault in our stars.




TRAMA
Hazel ha sedici anni, ma ha già alle spalle un vero miracolo: grazie a un farmaco sperimentale, la malattia che anni prima le hanno diagnosticato è ora in regressione. Ha però anche imparato che i miracoli si pagano: mentre lei rimbalzava tra corse in ospedale e lunghe degenze, il mondo correva veloce, lasciandola indietro, sola e fuori sincrono rispetto alle sue coetanee, con una vita in frantumi in cui i pezzi non si incastrano più. Un giorno però il destino le fa incontrare Augustus, affascinante compagno di sventure che la travolge con la sua fame di vita, di passioni, di risate, e le dimostra che il mondo non si è fermato, insieme possono riacciuffarlo. Ma come un peccato originale, come una colpa scritta nelle stelle avverse sotto cui Hazel e Augustus sono nati, il tempo che hanno a disposizione è un miracolo, e in quanto tale andrà pagato.




LA MIA OPINIONE

Parlare di questo libro per me non sarà semplice, e non perché non mi sia piaciuto, ma perché mi ha emozionato davvero tanto.
Ma meglio come sempre andare con ordine e cominciare dalla storia.
Hazel Grace, protagonista e voce narrante del romanzo, è una sedicenne con un cancro alla tiroide con metastasi ai polmoni. Il suo cancro non è operabile e i medici riescono a non farlo peggiorare grazie ad un farmaco sperimentale. Hazel non ha vita facile da quando aveva tredici anni e ha dovuto lasciare la scuola e gli amici. Il suo cancro non peggiora, ma la sua vita non è per niente simile a quella di una normale adolescente. Adesso studia da privatista e tutto il su tempo libero lo trascorre davanti alla TV o al massimo con il suo gruppo di supporto.
E' proprio nel suo gruppo d supporto che incontra Augustus, un ragazzo che a sua volta era stato malato di cancro. Gus è un ragazzo sveglio, intelligente, romantico, che nonostante i suoi 17 anni ha già capito moltissimo della vita e che riesce ad attrarre Hazel come una calamita.
Un passione in comune che i due hanno è la lettura, ma mentre Augustus legge fantasy pieni di azione e di morti, Hazel ha un solo libro preferito, Un'imperiale afflizione di Peter Van Houten, che racconta la storia di Anna, una ragazza malata di leucemia.
E' proprio grazie ad uno scambio di letture che i due diventano prima amici, e poi ad un certo punto, inevitabilmente nasce l'amore.
Quella di Hazel e Augustus è una storia d'amore semplice, ma che ha dello straordinario.

Quando si parla di cancro, anche in un libro, di solito la prima cosa che mi viene spontanea pensare è che non posso capire quanto dolore e quante difficoltà possa portare una malattia così grave. Posso solo immaginarlo.
Con questo libro Green riesce a raccontare la storia di due adolescenti malati abbattendo quella sorta di muro che un po' tutti ci costruiamo intorno quando
sentiamo parlare del cancro.

Hazel e Augustus, prima ancora di essere malati sono due adolescenti. La malattia fa parte di loro, ed entrambi sono costretti ad accettarla.
Hazel, nonostante la sua giovane età, è molto realista. Sa che un giorno, presto o tardi, dovrà morire. Pensa di volersi muovere in punta di piedi, per non lasciare il segno. Non vuole che qualcuno soffra per la sua assenza, e proprio per questo rende a isolarsi.

Augustus è il suo esatto opposto: ha una voglia di vivere disarmante, vuol fare rumore, fare qualcosa di importante per il mondo per farsi a ricordare.
Entrambi hanno tanti sogni e vorrebbero esaudirli, ma come loro stessi imparano presto, il mondo non è un ufficio esaudimento desideri. E' per questo che Hazel e Augustus si rifugiano l'uno nell'altra, cercando di completarsi e di essere importanti l'uno per l'altra. Il mondo non li ricorderà quando non ci saranno più, ma inevitabilmente il loro legame resterà inciso nei loro ricordi.
Anche i personaggi secondari hanno un ruolo importante nel romanzo, in particolare Isaac, altro ragazzo del gruppo di supporto amico di Augustus, che a sua volta mostra un modo diverso di affrontare la malattia e l'amore.

Colpa delle stelle racconta la storia di due adolescenti ed è un libro per adolescenti, ma a
tratti i due protagonisti dimostrano una maturità e una forza che rendono questo libro adatto anche agli adulti. E poi c'è un mix di filosofia, domande a cui dare una risposta, crisi genitoriali e adolescenziali che creano un libro davvero unico nel suo genere.
Hazel e Augustus in fin dei conti sono due adolescenti comuni, che potremmo ritrovare da qualsiasi altra parte del mondo e nelle stesse condizioni, ma la loro storia racchiude molti significati su quello che è il percorso di una persona nel mondo.
Se vorrete leggerlo, mi raccomando, fazzoletto alla mano perché qualche lacrima sarà inevitabile soprattutto sul finale, ma questo è anche un libro per capire e imparare, non tanto sul cancro, ma sulla vita.


Il mio voto per questo romanzo è cinque riccetti.


Dal libro verrà tratto un film che uscirà nel 2014.
I protagonisti saranno Shailene Woodley nei panni di Hazel e Ansel Elgort in quelli di Augustus.
Non sono esattamente i protagonisti che mi aspettavo, ma aspetto di vedere il film per giudicare.



30 commenti:

  1. Come si fa a non adorare questo libro? *__*
    Non farmi pensare al film che mi viene da piangere già da adesso XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' difficile non amarlo, hai ragione *-*
      Verserò fiumi di lacrime anch'io quando vedrò il film. Sarà davvero difficile non consumare montagne di fazzoletti.

      Elimina
  2. Questo libro è la meraviglia. L'ho letto in due giorni e ho intenzione di rileggerlo quanto prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, una bellissima storia, anche se molto commovente :)

      Elimina
  3. Libro meraviglioso! John Green è un autore che mi sorprende sempre. Mi mancano due libri suoi da leggere e devo farlo al più presto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io voglio leggere qualcos'altro di suo :) Pensavo di cominciare da Cercando Alaska, ma anche Papertowns mi ispira molto.

      Elimina
    2. Paper Towns è stupendo, a me è piaciuto tanto, anche se non come The Fault! ;)
      Looking for Alaska è lì che mi aspetta: devo leggerlo! :D

      Elimina
  4. A saperlo prima avrei chiuso il gruppo di lettura un paio di giorni in anticipo xD quasi tutte lo abbiamo finito in poco tempo! Che dire, sono d'accordissimo con tutto. Colpa delle stelle ormai ha un posticino tra i miei libri preferiti. Ho persino pianto e, credimi, io che piango per un libro è raro come trovare un unicorno sotto il portone di casa.
    Credo che acquisterò la copia in lingua originale (anch'essa cosa piuttosto rara, non leggo mai in lingua!)! Poi la copertina è stupenda *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli unicorni sotto casa sono roba rara, quindi ti credo sulla parola xD E' una storia molto commovente davvero, ma esprime una bellezza rara :)

      Elimina
  5. Ok, quando vedo qualcuno che posta la recensione di questo libro divento matta. Io lo amooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come vedi siamo in molti. Non mi è mai capitato di leggere così tanti pareri concordi su un libro ^^

      Elimina
  6. È un libro stupendo, che mi ha commossa come pochi altri. Devo ancora trovare qualcuno a cui non sia piaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io!
      Ho letto solo recensioni positive fino ad ora, e anche i molti commenti che mi state lasciando sono tutti stra-positivi *-*

      Elimina
  7. Sento sempre parlare benissimo di questo libro.. Credo che farei meglio a comprarmelo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io te lo consiglio davvero :3
      Leggerlo è stata una bella esperienza, ance se mi rendo conto che l'argomento trattato non è semplice da affrontare ^^

      Elimina
  8. So che questo libro è bellissimo per le recensioni che ho letto qua e là... la tua è la conferma ** ma l'argomento che tratta è troppo delicato e urta la mia sensibilità, di solito scappo dinanzi a libri così perché ho paura di soffrire troppo..quindi non credo che lo leggerò, forse in futuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, è veramente un bel libro :)
      L'argomento che tratta non è semplice e poi ognuno di noi ha una sensibilità diversa, quindi le nostre reazioni alla lettura di un libro del genere possono essere completamente diverse, lo capisco benissimo.
      Io non avevo più letto libri di questo genere dopo Voglio vivere prima di morire di Jenny Downham, che ho letto quando avevo 17 anni...ci ho messo un po', insomma ^^

      Elimina
  9. C'è un premio for you here:
    http://someonewhosreading.blogspot.it/2013/11/premio-conoceme-risposte-ad-un-altro.html

    RispondiElimina
  10. Di questo libro rimando continuamente la lettura perché ho troppa paura di leggerlo, sono sincera...storie simili mi fanno malissimo e alla fine cerco sempre di non incappare in esse...forse per questo romanzo farò un'eccezione :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so, posso capire benissimo ^^ Non è un libro da leggere così su due piedi, bisogna prepararsi un po' psicologicamente all'argomento che viene trattato.

      Elimina
  11. L'ho comprato un paio di settimane fa e non vedo l'ora di leggerloooooooooooo! =D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io ti consiglio davvero di farlo non appena puoi. E' uno di quei libri che, nonostante i fiumi di lacrime, non possono mancare nell'esperienza di un lettore.

      Elimina
  12. Ciao, abbiamo notato il tuo blog, i cui contenuti sono davvero interessanti, vorremmo proporti di collaborare con Il Trafiletto, blog di informazione libera e news, ci sono possibilità di guadagno, vieni a trovarci su.http://il-trafiletto.blogspot.it/ e contattaci, saremo lieti di darti tutte le informazioni da te richieste. Cordialmente saluto.

    RispondiElimina
  13. Bellissima recensione Annie davvero, ho tanto sentito parlare del romanzo e ho letto moltissime recensioni positive, vorrei leggerlo ma allo stesso tempo rimando, temo i fiuni di lacrime che inevitabilmente verserò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio tantissimo :)
      E' un libro che tratta un argomento non semplice da affrontare e da capire, bisogna essere un po' preparati psicologicamente ^^ Però è anche bello leggere dei due protagonisti che vivono le stesse emozioni e le stesse sensazioni delle persone non malate, nonostante tutto :)

      Elimina
  14. Ciao!! :D Sono una nuova follower...davvero molto bello il blog!! ^^
    Sono perfettamente d'accordo su questo libro...semplicemente stupendo, per quanto mi abbia lasciata devastata! Non so davvero come farò a vedere il film!!xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, il finale lascia davvero sconvolti ^^
      Anche il film secondo me non sarà da vedere a cuor leggero ç_ç

      Elimina
  15. Avrei dovuto scoprire del gruppo di lettura per tempo e partecipare anch'io. Ma probabilmente è andata bene così perché non mi è andata molto bene con gli ultimi gdl, anche per motivi personali. Mi dispiace solo non aver spuntato ancora questo libro dalla mia TBR list, dato che desidero davvero leggerlo.
    La tua recensione lascia, come sempre, trasparire così tante emozioni che mi sono quasi commossa e so che è dovuto anche a questo libro. Sto meditando di convincere Ang a leggerlo con me...

    RispondiElimina
  16. bella la tua recensione sulla quale mi trovo perfettamente daccordo il libro emoziona tantissimo, non ho ancora visto il film e spero che sia all'altezza

    RispondiElimina
  17. Ciao!!! Sono nuova nel mondo dei blog.
    Mi è piaciuta molto la tua recensione.... Anch'io ho amato il libro!!!

    RispondiElimina